3.615 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

La Ferrari brevetta l’auto ibrida a idrogeno: svelato il nuovo progetto della casa di Maranello

La Ferrari ha depositato i brevetti per un’auto sportiva ibrida dotata anche di un innovativo motore a idrogeno a sei cilindri in linea rovesciato: il progetto fa già discutere.
A cura di Michele Mazzeo
3.615 CONDIVISIONI
Immagine

La Ferrari a idrogeno potrebbe divenire realtà a breve. La casa di Maranello ha infatti da poco depositato i brevetti, sia in Europa che negli Stati Uniti, per una serie di schemi propulsivi innovativi che prevedono anche un motore a combustione interna di quello che è considerato un combustibile perfettamente pulito (in quanto l'unico scarto che produce è il vapore acqueo, contrariamente agli idrocarburi che generano anidride carbonica e altri scarti dannosi per l'ambiente e la salute umana).

Il progetto brevettato, che porta la firma dell'ingegner Fabrizio Favaretto, attualmente Vehicle and Powertrain Architectures Innovation Manager del Cavallino Rampante, è intitolato "Auto dotata di un motore a combustione interna alimentato a idrogeno" ma in realtà descrive una avveniristica vettura sportiva ibrida dotata di propulsore termico posteriore e motore elettrico anteriore.

Immagine

La grande novità presente nel progetto della Ferrari è rappresentata dal motore termico in quanto si tratta di un sei cilindri in linea, montato al contrario (con la testata nella parte inferiore), alimentato a idrogeno gassoso. Trattandosi di un brevetto sono diverse le soluzioni paventate dalla casa di Maranello per ottenere l'induzione forzata (e avere quindi più potenza e più efficienza del turbocompressore) e tra queste ce n'è anche una mutuata dalla Formula 1 con una MGU-H in grado di recuperare energia cinetica e trasformarla in energia elettrica che poi viene utilizzata per azionare uno o più compressori.

Immagine

Quello brevettato dalla Ferrari in sintesi è dunque il progetto per un'auto sportiva ibrida sovralimentata con un motore a idrogeno a sei cilindri in linea capovolto e trazione integrale. Una supercar innovativa che però non entusiasma tutti: il più critico è stato l'esperto giornalista Chase Bierenkoven che sulle pagine di Autoguide ha definito questo brevetto come "un sacrilegio da parte di un marchio che si vanta del suo V12 aspirato". Critiche a cui è già arrivata la risposta di colui che ha firmato il progetto brevettato dalla casa di Maranello: "Con la fisica di base dell'idrogeno dovete dimenticare tutto quello che sapete su come progettare un'auto. Parlare non costa nulla" ha infatti commentato su Linkedin l'ingegner Favaretto rispondendo a coloro che hanno mostrato dubbi riguardo a quello che senza ombra di dubbio rappresenta un azzardo.

3.615 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views