La gara di Moto2 del GP d'Andalusia, terza prova della classe di mezzo del Motomondiale 2020, ha riservato grandi soddisfazioni all'Italia con tre piloti italiani sul podio a Jerez de la Frontera. Enea Bastianini ha infatti preceduto i due alfieri dello Sky Racing team VR46 Luca Marini e Marco Bezzecchi che dopo aver tagliato il traguardo sono stati protagonisti di un curioso episodio. I due compagni di squadra infatti si sono affiancati per abbracciarsi e festeggiare l'ottimo risultato ottenuto ma, complice la stanchezza, sono finiti entrambi a terra senza per fortuna riportare alcuna conseguenza. I due infatti, dopo la caduta, hanno raggiunto il vincitore Enea Bastianini sul podio e hanno festeggiato senza incidenti e con il sorriso stampato sul viso questo primo podio tutto italiano nella classe di mezzo del Motomondiale degli ultimi 22 anni: era infatti dal gara di Imola del 1998 (quando ancora la categoria si chiamava 250cc) che non accadeva.

Alla fine per fortuna non è successo nulla di grave per i due portacolori dello Sky Racing Team VR46 che dopo la cerimonia del podio ai microfoni di Sky Sport hanno avuto anche modo di scherzare sull'episodio che li ha visti protagonisti a Jerez de la Frontera dopo aver tagliato il traguardo in seconda e terza posizione:  “Dopo un podio ci sta – ha detto infatti Luca Marini –, in particolare anche per i fotografi. Abbiamo cercato di stringerci la mano e abbracciarci, ma non ci siamo riusciti”.  “Ero talmente senza forze…ci siamo agganciati con Luca e siamo caduti entrambi” ha poi ribadito un Marco Bezzecchi stremato ma felicissimo per aver centrato il suo primo podio nella classe di mezzo del Motomondiale.