I tifosi possono tornare parzialmente negli stadi italiani. È arrivato l'ok del Governo all'ingresso di 1000 spettatori agli eventi all'aperto fino al 7 ottobre. Una piccola parte di appassionati dunque potrà assistere ai match di Serie A dal vivo, dietro prenotazione dei posti e nel massimo rispetto delle norme anti-Covid. Se dovessero arrivare risposte positive, le porte degli impianti sportivi potrebbero aprirsi in seguito ad un numero maggiore di appassionati

Svolta nello sport italiano, proprio nel giorno della ripresa della Serie A. Il Governo ha infatti deciso di aprire gli stadi al pubblico in tutta Italia, fino a mille spettatori, già a partire da domani, fino al 7 ottobre. Tutti gli eventi sportivi all'aperto dunque potranno contare a partire dalle prossime ore sulla presenza di un numero ridotto di appassionati, con la riapertura parziale delle porte degli impianti. Una situazione che è il preludio ad un ritorno alla normalità, sempre in linea con le restrizioni anti-Covid. Sulla scia di quanto visto infatti in occasione di alcune amichevoli estive, i tifosi avranno il posto prenotato, e dovranno osservare una serie di regole sul distanziamento sociale e con l'utilizzo di dispositivi di protezione.

La decisione di riaprire gli stadi e tutti gli impianti che ospitano eventi sportivi fino ad un massimo di mille spettatori in tutta Italia fino al 7 ottobre, è arrivata oggi a margine dell'incontro tra i ministri Spadafora, Speranza e Boccia e il presidente della conferenza delle Regioni Bonaccini. Il tutto dopo che nella giornata di ieri Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, avevano già deliberato per la parziale riapertura degli impianti sportivi al pubblico