La Lazio ritrova il successo, batte 1-0 il Parma e si porta a un solo punto dalla Juventus. Inzaghi non può nascondersi più. La squadra biancoceleste lotta per lo scudetto. L’incontro non è stato deciso da Immobile, ma da Caicedo, sempre più protagonista. Determinanti anche le parate di Strakosha.

Il gol di Felipe Caicedo

In porta D’Aversa conferma Colombi, al centro dell’attacco invece c’è Cornelius, fuori Kulusevski. Caicedo affianca Immobile, in panchina Correa. Dall’inizio anche Jony e Marusic. La partita nella prima mezz’ora è estremamente tattica, le due squadre non giocano a specchio, ma hanno tanti centrocampisti in campo. Caprari, arrivato sul finire del mercato, si propone e si fa vedere anche da Strakosha costretto a un bell’intervento. Nel finale di tempo la Lazio cambia ritmo e accelera. La squadra di Inzaghi riesce a trovare il gol con Caicedo al 41’. Luis Alberto innesca tutto, lo spagnolo crossa in mezzo, Immobile vince un duello con il fisico il pallone termina al sudamericano che da due passi realizza l’ottavo gol in campionato. Sembra esserci un fallo di mani del capocannoniere della Serie A, il VAR dice che è tutto regolare, 1-0.

Secondo tempo veloce e con tante occasioni

Nella ripresa Acerbi ha subito una chance, che non sfrutta, poi c’è un forcing totale del Parma che per una decina di minuti mette alle corde la Lazio che rischia grosso in almeno tre occasioni, Cornelius non è al meglio e la mancanza di punte si vede e parecchio per la squadra di D’Aversa, che manda in campo il rientrante Kulusevski, che dopo aver firmato per la Juve non ha mostrato tutto il suo talento. Inzaghi risponde con Correa e Lazzari. Gli ultimi venti minuti sono molto belli, perché le due squadre attaccano senza remore e lasciano spazi. L’occasione migliore, al termine di un’azione tambureggiante, ce l’ha il Parma con Gagliolo che da buona posizione, e indisturbato, calcia male. Luis Alberto delizia con un colpo di tacco e un passaggio illuminante, ma il bis laziale non arriva, anche per colpa di un Immobile in serata no, seconda partita consecutiva a secco. Al 91’ enormi polemiche per una trattenuta di Acerbi su Cornelius, non è fallo per l’arbitro, e il VAR nemmeno lo rivide. La Lazio vince 1-0, Juve a un passo.