Un barbecue organizzato in casa con tutti i compagni di squadra, e le rispettive compagne, per fare ulteriormente gruppo nella settimana che porta al match più importante della stagione contro l'Atletico Madrid. Leo Messi ha deciso di vivere un momento conviviale con il resto della squadra blaugrana, per ribadire ancor di più l'unità d'intenti, dopo le turbolenze del passato. Un'iniziativa lodevole ma che ha fatto molto discutere, in quanto rappresenta una violazione di tutte norme sanitarie anti-Covid, imposte dalla Liga e dal sistema amministrativo-istituzionale del governo catalano.

Celebrare il preziosissimo successo del Valencia e prepararsi al meglio al big match, che potrebbe valere un pezzo di Liga, contro l'Atletico Madrid. Questi i motivi che hanno spinto Leo Messi ad invitare tutti i compagni di squadra e le rispettive metà presso la sua abitazione, per un barbecue. Un momento di relax collettivo nel giardino di casa Messi, per fare ulteriormente gruppo consolidando così il ritrovato feeling (certificato anche dalle indiscrezioni sulla volontà della Pulce di restare in Catalogna). Nonostante il tutto si sia svolto all'aperto, con tavoli separati, sono state segnalate una serie di violazioni alle norme anti-Covid che, secondo quanto riportato dai tabloid e in particolare da ABC, hanno spinto la Liga ad aprire un dossier disciplinare con il Barcellona.

Secondo il regolamento della Generalitat de Catalunya, ovvero il sistema amministrativo-istituzionale per il governo catalano, la riunione si è svolta fuori legge. Si legge infatti nelle norme: "Sono consentite riunioni familiari e sociali, sia in ambito pubblico che privato, purché non venga superato il numero massimo di sei persone, salvo in caso di conviventi. Tuttavia, si raccomanda che le riunioni familiari e sociali e/o gli incontri che si svolgono in spazi chiusi, comprese le case, siano limitati il ​​più possibile e limitati alle visite a persone dipendenti o vulnerabili e che siano sempre dalla stessa bolla di convivenza". Inoltre nelle stesse non è consentito anche "il consumo di cibi o bevande".

Il Barcellona dal canto suo ha giustificato i suoi calciatori, sottolineando la mancata violazione delle regole stabilite, in quanto tutti rientrano in un'unica bolla che è la stessa degli allenamenti. Secondo il club inoltre la presenza di fidanzate e mogli, non è un problema perché formano delle piccole bolle. Inoltre i blaugrana hanno citato anche un precedente dell'Atletico Madrid, con i giocatori che si sono riuniti con lo stesso intento di quelli dei prossimi avversari. In questo caso però fonti della Liga hanno annunciato: "È un caso diverso perché ce l'hanno detto in anticipo e ci hanno fornito tutti i dettagli di quello che avrebbero fatto. La Liga era a conoscenza di quel pasto e tutti i requisiti di sicurezza erano stati soddisfatti. La celebrazione di questo barbecue, l' abbiamo scoperto dalla stampa".