Andrea Pirlo può sorridere alla vigilia di Juventus-Milan. Finalmente il tecnico bianconero potrà contare su tutta la rosa a disposizione e dunque potrà scegliere il miglior undici possibile per la delicata sfida Champions. Potrebbe esserci spazio dal 1′ in mediana anche per McKennie, sul quale c'è stato a suo dire un lavoro importante da fare sia a livello fisico che mentale.

Quale Juventus vedremo in campo contro il Milan? Andrea Pirlo nell'appuntamento con la stampa della vigilia ha annunciato di avere tutta la rosa a disposizione con l'infermeria finalmente vuota. Toccherà a lui scegliere chi mandare in campo, anche in mediana, dove sicuramente ci sarà Adrien Rabiot, che è entrato bene a gara in corso a Udine. Al suo fianco potrebbe esserci anche McKennie sul quale Pirlo ha pronunciato parole per certi versi sorprendenti: "Weston è dimagrito, è una cosa che gli abbiamo messo in testa. È concentrato e più professionista rispetto a quando è arrivato. Deve esserlo al 100% e non al 50. Può partire dall’inizio domani sera. Sta trovando la condizione fisica ottimale per farsi trovate al top della forma". 

A prescindere da chi andrà in campo, Pirlo si augura di ripartire dal finale di Udine e da un gruppo che sembra essersi ricompattato dopo un periodo non semplice: "Domani ripartiremo dall’abbraccio di gruppo dopo il secondo gol di domenica scorsa. Sono sicuro che avremo lo stesso spirito e giocheremo una grande partita. Sarà fondamentale partire sin dall’inizio con la giusta concentrazione. Sono sicuro che scenderà in campo una squadra molto determinata a ottenere il massimo risultato possibile".

Tra gli osservati speciali del match ci saranno i due "giganti" di Juventus e Milan Cristiano Ronaldo e Zlatan Ibrahimovic. La loro sarà una sfida nella sfida: "Sono due giocatori che fanno bene al calcio, campioni che abbiamo il piacere di vedere in campo". Occhi puntati anche su Gigio Donnarumma, accostato in sede di mercato a più riprese alla Juventus. Pirlo ha dribblato le domande sul portiere pur riconoscendone il grande valore: "Non è un problema per me, è un giocatore del Milan, quindi è un problema loro. Lo considero uno dei cinque migliori portieri del mondo. È un professionista esemplare ".