In extremis la Juventus ha avuto la meglio sul Genoa. Cristiano Ronaldo è stato freddo e letale nel trasformare il rigore che ha deciso l'incontro al 96′. Una vittoria importante che riporta in testa i bianconeri, davanti sempre di un punto sull'Inter. Non ci sono dubbi sul penalty assegnato ai campioni d'Italia, il fallo di Sanabria su Ronaldo era nettissimo. Dubbi invece ci sono sul secondo cartellino giallo per Cassata, espulso al 50′.

Gli episodi da moviola di Juventus-Genoa

Non è stato un mercoledì tranquillo per gli arbitri della Serie A. Contestazioni forti ci sono state nella partita tra Napoli e Atalanta, per un rigore non assegnato per un fallo di Kjaer a Llorente, e in Udinese-Roma, rosso incredibile per Fazio. Juventus-Genoa non è stata da meno. L'incontro è stato deciso da un rigore assegnato ai bianconeri all'ultimo minuto di recupero. Ma polemiche ci sono state anche per il rosso a Cassata e per un intervento di Rugani che poteva meritare il secondo giallo nel primo tempo.

Il fallo da rigore di Sanabria su Cristiano Ronaldo

Sul punteggio di 1-1, la Juventus attacca, vuole vincere e al 92′ torna in vantaggio con un gol di Cristiano Ronaldo. Il portoghese esulta e va a festeggiare accanto la bandierina del calcio d'angolo. Dopo pochi secondi l'arbitro annulla, il fuorigioco c'è. CR7 è nervoso, vuole il gol e vuole vincere, sfrutta un'ingenuità colossale di Sanabria e va giù in area. Rigore nettissimo. Il portoghese si lascia un po' andare, ma il fallo è nettissimo. Dal dischetto il giocatore più pagato della Serie A trasforma.

Perché è giusto il giallo per Rugani

Ci sono state discussioni sul cartellino giallo a Rugani, ammonito dal direttore di gara al 38′. Il difensore, all'esordio stagionale, commette fallo su Agudelo. Thiago Motta dalla panchina chiede il cartellino rosso perché il colombiano era lanciato a rete. Ma c'è una discriminante non da poco. Perché se è vero che il fallo di Rugani è nettissimo è altrettanto vero che il pallone era di fatto già preda di Buffon e in questo caso non si può certo parlare di chiara occasione da gol.

Sbagliato espellere Cassata

Nel primo tempo il centrocampista genoano viene subito ammonito. La decisione è corretta. Sbagliato invece ammonire nuovamente Cassata all'inizio del secondo tempo, esattamente al quinto minuto. Il contrasto con Dybala c'è, il fallo pure, il giallo è eccessivo, perché si era lontani una trentina di metri dalla porta e non c'era alcuna pericolosità in quella azione. Le proteste dei rossoblu sono state veementi, e i giocatori del Genoa avevano ragione.