"Rigore c'è quando arbitro fischia" diceva il buon Vudjadin Boskov, l'allenatore dello storico scudetto della Sampdoria firmata Vialli e Mancini. Ma dallo scorso 2017 non è più così in Serie A o, almeno, non è solo così. Perché con l'avvento ufficiale del VAR, parafrasando mister Boskov, rigore è anche quando VAR decide. L'assistenza visiva ai direttori di gara, infatti, ha cambiato il modo di gestire i 90 minuti delle partite, coadiuvando l'arbitro soprattutto nei casi particolari previsti dal protocollo in funzione, tra cui anche la massima punizione dagli 11 metri.

Se è vero che con l'occhio della telecamera, le proiezioni sui monitor computerizzate, la revisione del momento con una serie di rallenty incrociati da varie angolazioni, oggi è molto più ‘oggettiva' la decisione di fischiare o no un fallo ritenuto punibile con il tiro dagli 11 metri, è pur vero che resta a discrezione dell'arbitro e degli addetti alla moviola l'ultimissima decisione. Conservando sempre una componente di umanità nel gioco che appassiona più di tutti, anche se in programma ci sono nuove regole per affinare ancor più il supporto tecnologico.

Dunque, dalla stagione 2017/2018 ad oggi, il VAR ha non solo cambiato il modo di vivere una partita da parte dei diretti protagonisti, ma anche la maniera di interpretarla da parte di commentatori e tifosi che devono fare i conti con l'occhio vigile della telecamera. Le polemiche non sono state ridotte a zero, ma di certo sono calate, soprattutto davanti alle decisioni ‘smascherate' dai replay e dai fermo immagini della moviola.

Da tre stagioni e mezzo, tra tutti i club che hanno giocato in Serie A, c'è chi ha usufruito del maggior numero di rigori a favore assegnati dal VAR ma anche chi ha subito più penalty mostrando minor tenuta difensiva e una palese difficoltà nella gestione degli avversari nella propria area di rigore. Per una classifica che vede il Cagliari la squadra più ‘punita' dal VAR davanti alla Sampdoria e alla coppia Torino-Lazio. Tra le grandi, la meno colpita dall'"effetto" VAR è l'Inter con solo 13 penalty contro.

Classifica Serie A rigori contro con il VAR

  1. Cagliari 33
  2. Sampdoria 32
  3. Torino 27
  4. Lazio 27
  5. Udinese 26
  6. Roma 26
  7. Spal 25
  8. Fiorentina 24
  9. Genoa 22
  10. Juventus 22
  11. Sassuolo 22
  12. Milan 21
  13. Parma 19
  14. Verona 19
  15. Bologna 18
  16. Atalanta 16
  17. Napoli 16
  18. Benevento 15
  19. Inter 13
  20. Lecce 13
  21. Brescia 11
  22. Chievo 11
  23. Crotone 19
  24. Empoli 8
  25. Spezia 6
  26. Frosinone 5