Il nuovo inno dell'Inter – IM INTER (Yes IM) – è la colonna sonora del 19esimo scudetto, il ritmo giusto per raccontare attraverso le note la cavalcata della squadra di Conte che ha (ri)cucito sul petto quel tricolore che mancava da dieci anni, strappandolo dalla maglia della Juventus. Dopo il logo, la sorpresa della quarta maglia per la stagione 2021-2022 contro la Roma esordisce a San Siro anche questo soundtrack speciale.

Il nuovo inno dell'Inter debutta ufficialmente in occasione della partita di campionato contro la Roma. Rispetto alle anticipazioni e alle fughe in avanti dei giorni scorsi (l'ipotesi Povia), adesso c'è un elemento di chiarezza grazie all'annuncio sul sito del club. E così dopo "Pazza Inter" e "C'è solo l'Inter" (di Elio e le Storie Tese) la nuova versione è stata scritta da Max Pezzali con Claudio Cecchetto e Mirko Mengozzi, mentre la musica è di Renato Garretto e Dj Pitch. A cantarla, oltre allo speaker ufficiale, c'è anche Caterina Mastaglio. La società nerazzurra ha pubblicato il link per ascoltarla sui differenti canali social e delle app, da Spotify a Youtube.

Il testo del nuovo inno dell'Inter

"Non siamo scesi mai all'inferno – si legge nella parte iniziale del testo -. Inter Milano il nostro orgoglio. Il tuo nome e la tua storia. Suona dentro la memoria. Siamo noi, solo noi!". Chiaro il riferimento ai rivali del Milan, il ‘diavolo' iconico che è finito tra le fiamme della Serie B, una retrocessione che è una macchia sulla storia e sfotto' al tempo stesso da parte dei nerazzurri. E ancora: "Senza te non ci so stare. Di nerazzurro batte il cuore. Dal primo all'ultimo minuto canteremo  all'infinito. Cambian le maglie dei campioni ma non cambiano i colori di un coro con la stessa voce, gli occhi con la stessa luce". 

Uniti, nella gioia e nel dolore. Nei momenti di difficoltà come quelli più esaltanti. "I nostri cuori in mezzo al campo saranno sempre lì al tuo fianco. In ogni attacco e ogni difesa, in trasferta come in casa". Tra le pieghe della passione interista non potevano mancare anche citazioni e riferimenti alla frase pronunciata da Gianfelice Facchetti in occasione del Centenario nerazzurro: "Era la sera del 9 marzo 1908, erano poco più di 40, oggi siamo milioni".