Resterà a Cagliari oppure tornerà all'Inter? Radja Nainggolan è l'anima della formazione sarda, rivelazione della stagione in corso. Se la squadra di Maran è lassù, a sognare una clamorosa qualificazione in Europa, molti meriti sono proprio dell'ex centrocampista della Roma e dei nerazzurri. In dote ha portato esperienza, dinamismo, tasso tecnico superiore e soprattutto quell'anima furente (dal punto di vista agonistico) che ti spinge a migliorarti sempre. Il ninja è sull'isola solo in prestito: in rossoblù è tornato volentieri e per stare accanto alla moglie Claudia che combatte contro il tumore. Quante possibilità ci sono che indossi la maglia dei sardi anche l'anno prossimo? Il tono agrodolce usato dal presidente, Giulini, alimenta l'incertezza sul futuro del calciatore.

Al momento non c'è una data precisa su quando incontrarci con l'Inter e discutere di una conferma di Radja – ha ammesso Giulini nell'intervista a Radio Anch'io Sport, su Rai Radio 1 -. Per adesso siamo tutti soddisfatti: lui è contento di essere tornato a Cagliari e noi siamo contenti delle sue prestazioni. È un leader determinante per le giocate e per come trascina la squadra.

Giulini non si sbilancia: le ragioni del cuore non collimano con quelle degli affari. Sa bene che per trattenere Nainggolan non basta la volontà reciproca ma occorre soprattutto la soddisfazione (economica) dell'Inter, che ne detiene il cartellino, oltre a quella del calciatore. Insomma, l'ex romanista è un lusso che al momento il Cagliari non può permettersi. E allora è meglio evitare illusioni e prendere atto della realtà, magari lasciando aperto uno spiraglio perché di qui a qualche mese le cose possono anche cambiare

A marzo-aprile sarà il momento per iniziare a discutere per capire cosa fare – ha aggiunto il presidente del Cagliari -. Anche se poi c’è poco da chiacchierare: Radja è un giocatore di grande valore che si sta rilanciando bene Purtroppo credo che stiamo facendo soprattutto un favore all’Inter. Un’operazione per la prossima stagione la vedo molto difficile.