130 CONDIVISIONI
30 Giugno 2021
14:21

“Ero lì per caso”, la storia dell’arbitro Vincic travolto dallo scandalo sessuale a sua insaputa

L’arbitro designato per Belgio-Italia è Slavko Vincic, 41 anni, sloveno. Un anno fa fu vittima di un clamoroso errore giudiziario, restando coinvolto – suo malgrado – in una brutta storia di prostituzione, droga e armi. Ne uscì pulito e riconosciuto totalmente estraneo ai fatti. La sua ‘colpa’ fu trovarsi nel luogo sbagliato nel momento sbagliato.
A cura di Maurizio De Santis
130 CONDIVISIONI

Slavko Vinčić, 41 anni, è l'arbitro designato dalla Uefa per Belgio-Italia. È uno dei migliori e più promettenti a livello internazionale. Un anno fa (a maggio 2020) venne coinvolto, suo malgrado, in una torbida vicenda di sesso, droga e armi. La sua ‘colpa' fu trovarsi nel luogo sbagliato nel momento sbagliato. Il luogo era una villa a Bijeljina, in Bosnia Erzegovina, nella quale la polizia fece irruzione e arrestò oltre 30 persone – tra cui il direttore di gara – nel corso di un'indagine legata alla prostituzione. Venne rilasciato subito: una volta racconta la testimonianza, gli inquirenti lo riconobbero totalmente estraneo ai fatti.

L'errore giudiziario. "Ero lì per caso e fu l'errore più grande della mia vita", raccontò qualche giorno dopo quella vicenda da incubo. Un errore giudiziario clamoroso dal quale uscì pulito ma con un grande spavento e un solo desiderio: dimenticare in fretta quella brutta storia che rischiò di metterlo nei guai. Droga, armi da fuoco non dichiarate, soldi contanti di differenti valute furono alcune delle prove sequestrate. E la compagnia di escort, pagate per rendere più piacevole la compagnia. Nel corredo accessorio di quella giornata destò scalpore (anche) lo scandalo sessuale che sfiorò l'arbitro noto in patria per essere stato spesso assistente del più noto collega, Damir Skomina.

Oltre ad essere un arbitro di calcio, ho gestito la mia azienda per molti anni – spiegò nell'intervista all'emittente slovena, 24ur.com – Ero in viaggio d'affari e partecipai a un incontro di lavoro con i miei partner commerciali e dopo quell'incontro venni invitato in quella residenza. E mi sono pentito di aver accettato… Non avevo mai visto quelle persone. Per fortuna venni interrogato subito come testimone e fui accertata la mia assoluta innocenza. Altrimenti non so come sarebbe andata a finire.

Ha già diretto 2 match in questi Europei. Nella partita dei quarti di finale degli Europei il direttore di gara sloveno avrà come assistenti di linea i connazionali, Tomaž Klančnik e Andraž Kovačič. Il quarto uomo è l'argentino, Fernando Andres Rapallini. Al VAR ci sarà il tedesco Bastian Dankert. In questa edizione del torneo il fischietto di Maribor è stato protagonista già in due sfide della fase a gironi: Spagna-Svezia 0-0 nel Gruppo E, Svizzera-Turchia 3-1 nel Gruppo A (quello dell'Italia).

I precedenti con la Nazionale e le italiane. Non è la prima volta che Slavko Vincic incrocia la Nazionale di Roberto Mancini: a marzo scorso fu lui a fischiare nella gara delle qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022 in Bulgaria (vittoria degli Azzurri per 2-0). Nella scorsa edizione della Champions e dell'Europa League, invece, ha diretto i match di Inter (0-0 con lo Shakhtar nella fase a gironi) e Milan (1-1 con il Manchester United negli ottavi di finale).

130 CONDIVISIONI
L'arbitro estrae il primo cartellino bianco nella storia del calcio: pubblico in visibilio
L'arbitro estrae il primo cartellino bianco nella storia del calcio: pubblico in visibilio
L’arbitro estrae il primo cartellino bianco nella storia del calcio: pubblico in visibilio
L’arbitro estrae il primo cartellino bianco nella storia del calcio: pubblico in visibilio
258 di Videonews
Platini presidente della Federcalcio francese, lo vuole Macron: il caso Zidane costa caro a Le Graët
Platini presidente della Federcalcio francese, lo vuole Macron: il caso Zidane costa caro a Le Graët
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni