La partita degli ottavi di finale di Carabao Cup tra il Tottenham e il Chelsea il suo piccolo pezzo di storia se l’è preso per tanti motivi. Innanzitutto perché c’è stata una furibonda lite tra gli allenatori Mourinho e Lampard, che un tempo erano molto legati, poi perché l’incontro è terminato ai calci di rigore – che si sa hanno sempre un grande fascino. Gli Spurs hanno passato il turno e giocheranno i quarti di finale. Ma nel corso del match c’è stato un episodio molto curioso. Dier è scappato negli spogliatoi e Mourinho lo ha inseguito. Il giocatore aveva un bisogno impellente. Ha risolto tutto, dopo pochissimo è tornato in campo, ha segnato pure uno dei rigori e a fine partita è stato definito il ‘Man of the Match’.

Eric Dier scappa in bagno. Mourinho lo rincorre

Era il 77’, con il Chelsea in vantaggio 1-0 (primo gol con i Blues di Timo Werner), quando Eric Dier scappa di corsa dal campo. Ovviamente è qualcosa di inaspettato, anche se non di anomalo. Mourinho vede il centrocampista, si arrabbia (e già lo era probabilmente) e lo insegue. Le telecamere poste all’interno del nuovissimo stadio del Tottenham lo riprendono. Mou è negli spogliatoi, vuole riportare in campo il suo calciatore. Si tranquilla quando capisce che quella di Dier è solo una breve sosta fisiologica. Il giocatore torna in campo, in 11 contro 11 arriva il pari, firmato da Lamela. L’1-1 porta le squadre direttamente ai calci di rigore. Il primo a calciare per gli Spurs è Dier, che insacca. Il Tottenham segna sempre: cinque su cinque, nel Chelsea sbaglia solo Mount. A fine partita il centrocampista degli Spurs ha scherzato su quello che era successo e ha postato sui social un’immagine che velocemente ha fatto il giro del web. Mettendo online un’immagine della tazza del water, e sopra ci ha appoggiato il premio di uomo della partita.