Ha cantato e portato la croce, come si suol dire, risultando a fine gara uno dei migliori in campo. Applausi a scena aperta del Signul Iduna Park per Emre Can al termine di Borussia Dortmund-Paris Saint Germain. Il centrocampista si è reso protagonista di una prova importante, giganteggiando nel reparto mediano della formazione di Favre. Il classe 1994 ha sfruttato la scia dell'entusiasmo per l'annuncio di poche ore fa del club giallonero, che ha ufficializzato il suo riscatto a fine stagione dalla Juventus. E chissà che a Torino qualcuno già non lo rimpianga.

Emre Can, super esordio in Champions con il Borussia Dortmund. Tra i migliori contro il Psg

Dopo le due ottime prove in Bundesliga, Emre Can si è ripetuto anche in Champions. Alla prima europea con la maglia del Borussia Dortmund, club che lo ha prelevato dalla Juventus nell'ultimo mercato invernale, il centrocampista ha sfoderato una super prestazione. Schierato con Witsel in mediana, l'ex bianconero ha coperto le spalle a Sancho, Hazard, Reyna (subentrato nella ripresa) e Haaland. Non solo quantità e copertura, per un calciatore che ha fornito una prova totale, recuperando palloni e impostando spesso l'azione, in un duello intrigante con Marco Verratti. Si è rivisto dunque il miglior Emre Can, con un entusiasmo (certificato anche da alcune giocate) che a Torino nella prima parte di stagione non si era mai visto.

Emre Can galvanizzato dalla cessione a titolo definitivo al Borussia Dortmund

Emre Can e lo scatenato Haaland, hanno dunque confermato la bontà del mercato invernale del Borussia Dortmund che ha piazzato due super colpi. Inevitabile qualche rimpianto in quel di Torino per il centrocampista tedesco (anche alla luce del momento poco brillante dei componenti della mediana di Sarri), galvanizzato anche dalle notizie del pomeriggio. Il club giallonero infatti ha ufficializzato in una nota l'accordo con la Juventus per il riscatto a titolo definitivo del calciatore: Emre Can dunque a partire da giugno, al termine del prestito, diventerà a tutti gli effetti di proprietà del Dortmund con tanto di contratto fino al 2024. Operazione da 25 milioni, una cifra che potrebbe rivelarsi irrisoria, nel caso in cui il diretto interessato continuasse a sfoderare prestazioni come quella di stasera.