587 CONDIVISIONI
22 Settembre 2021
9:10

Cristiano Ronaldo durissimo con suo figlio: “Voglio che soffra come ho fatto io”

Cristiano Jr è il figlio maggiore di Ronaldo e da lui il cinque volte Pallone d’Oro si attende il massimo, così come lo ha sempre preteso da se stesso. Il campione portoghese racconta cosa fece per far capire al bambino le difficoltà superate da lui nella vita: “Lui pensava che stessi scherzando, io gli risposi che era tutto vero”.
A cura di Paolo Fiorenza
587 CONDIVISIONI

Spesso nello sport si parla di durezza mentale, ovvero la condizione dell'animo del campione che è forgiata nella sofferenza e scolpita nella pietra. È la componente che fa la differenza tra un buon giocatore ed un fuoriclasse capace di reagire a qualsiasi difficoltà. Il più delle volte è la vita stessa a creare una corazza per l'uomo prima che per lo sportivo. Cristiano Ronaldo è uno che sull'autodisciplina e sul chiedere spietatamente il massimo da se stesso ci ha costruito una carriera che lo ha portato a vincere cinque Palloni d'Oro. Ma non tutto è stato facile per lui, prima che esplodesse allo Sporting e poi spiccasse il volo per Manchester.

Ronaldo ora vuole essere il miglior padre possibile per i suoi quattro figli – tre nati da madri surrogate, un quarto con la sua compagna Georgina Rodriguez – e instillare in loro la stessa fame ed etica del lavoro che lo hanno portato ad essere diverso dagli altri e vincere tutto. Non sarà un compito facile, visto che il loro padre è diventato il primo miliardario della storia del calcio – secondo Forbes, tra guadagni dentro e fuori dal campo – vive in splendide ville, vola su un jet privato e possiede una scuderia di 20 macchinoni tra cui Rolls-Royce, Ferrari e Bugatti.

"Hanno tutto facile – racconta il portoghese al Daily Mail – Hanno computer, hanno del buon cibo in tavola, non devono sacrificare molto per ottenere ciò che vogliono. Ma devono essere umili. Devono lavorare sodo. Devono rispettare le persone". Ronaldo un giorno ha portato il figlio maggiore, Cristiano Jr nel minuscolo monolocale di Lisbona in cui viveva un tempo, per mostrargli da dove veniva. "Le stesse persone lavoravano lì nell'edificio. E le signore hanno iniziato a piangere quando mi hanno visto. E ho portato Cristiano nella mia stanzetta e ho detto: ‘Papà ha vissuto qui per due anni'. Lui pensava che stessi scherzando. ‘No – ho risposto – Papà non scherza. Ho vissuto qui' ".

Cristiano Jr gioca anche lui a calcio ed è molto promettente, ma la tecnica da solo non basta, serve altro. Ronaldo sa esattamente cosa: "Voglio dargli il meglio, ma voglio anche che soffra un po' come ho fatto io per raggiungere ciò che vuole essere. Ha un grande talento anche come calciatore, ma voglio motivarlo, spingerlo come ho spinto me stesso". Durezza mentale, dicevamo, CR7 è un docente della materia. Solo così si può arrivare a dire ancora a 36 anni: "Sono dipendente dalla vittoria. Fa parte del mio sacrificio, della mia ossessione di vincere. Lavoro per quello". Cristiano Jr sa cosa lo aspetta.

587 CONDIVISIONI
Il trasferimento di Cristiano Ronaldo al Manchester United è stato fatto in giardino
Il trasferimento di Cristiano Ronaldo al Manchester United è stato fatto in giardino
Il record che Cristiano Ronaldo ancora non ha battuto appartiene a un 70enne
Il record che Cristiano Ronaldo ancora non ha battuto appartiene a un 70enne
Cristiano Ronaldo non stuprò Kathryn Mayorga: archiviato il caso di violenza sessuale
Cristiano Ronaldo non stuprò Kathryn Mayorga: archiviato il caso di violenza sessuale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni