L'Inter manifesta la sua vicinanza alla Cina nei giorni più critici dell'emergenza Coronavirus. Il club nerazzurro ha annunciato che donerà 300.000 mascherine per uso medico alla città di Wuhan, al centro dell'epidemia diventata ormai un caso di portata internazionale. Il Gruppo Suning, proprietario dell'Inter, sta vivendo in prima persona la crisi legata al Coronavirus sul territorio cinese e ha voluto esprimere la propria vicinanza alle popolazioni colpite anche attraverso un gesto ufficiale dell'Inter. Il Coronavirus sta iniziando ad avere un impatto anche sul mondo dello sport: dalla sospensione del campionato cinese al possibile rinvio del GP di Formula 1 in programma a Shanghai nel mese di aprile.

L'Inter dona 300.000 mascherine contro il Coronavirus: il comunicato

Steven Zhang e FC Internazionale Milano donano 300mila maschere per uso medico a Wuhan per dare sostegno alla popolazione e alle autorità coinvolte nelle azioni di contrasto all’epidemia di Coronavirus. La fornitura raggiungerà la città cinese entro la prossima settimana.

Il Gruppo Suning ha prestato supporto ai soccorsi sin dall’inizio dell’emergenza, con servizi di spedizione gratuiti e donazioni di prodotti importati dall’estero a ospedali e istituzioni locali, grazie all’impegno in particolare delle divisioni Suning International e Suning Logistics, mentre il canale di sport ed entertainment PP Sports ha aperto alla visione in chiaro i propri servizi streaming.

Inter ha visitato la Cina nel 1978, primo tra i top club europei, ponendo le basi per un'amicizia che dura da 40 anni.

"Siamo fratelli del mondo!". Il Club invia i suoi migliori auguri alla città di Wuhan e a tutta la Cina: siamo con voi, siate forti!