L'Inter prima e la Lazio poi, sono rimaste all'asciutto sul mercato invernale per Olivier Giroud. Alla fine il Chelsea ha deciso di non privarsi in anticipo del centravanti francese che a giugno dunque sarà libero di scegliere la sua nuova destinazione gratis. Le due società italiane dunque sono pronte a trattare ulteriormente con il diretto interessato, con i capitolini che al momento sembrano in vantaggio sull'altra pretendente di mercato italiana.

Calciomercato, il punto su Olivier Giroud tra Lazio e Inter

Il nome di Olivier Giroud è stato caldissimo nell'ultima sessione di mercato. L'Inter sembrava inizialmente in pole per il centravanti francese, pronto a dire sì ad Antonio Conte. La trattativa con il Chelsea è andata avanti ad oltranza e si è via via raffreddata, alla luce del mancato accordo economico. Negli ultimi giorni della sessione invernale ecco l'inserimento della Lazio che al contrario dei nerazzurri ha incassato l'apertura dei Blues, superando la diretta concorrente. I Blues però alla fine hanno deciso di blindare Giroud fino a giugno non essendo riusciti a trovare una valida alternativa per il reparto offensivo di Lampard.

Lazio e Inter, nuova sfida per Giroud a giugno, chi è in vantaggio

Il tutto con buona pace di Inter e Lazio. I capitolini nell'ultimo giorno di trattative, hanno giocato il classico all-in con il ds Tare volato a Londra per provare a chiudere l'operazione. Il discorso a questo punto è inevitabilmente rimandato a giugno, quando il Chelsea uscirà di scena, essendo il calciatore libero di muoversi gratis. Bisognerà a questo punto trattare con il diretto interessato formulando l'offerta migliore. Al momento in vantaggio resta la società di Lotito che aveva trovato anche l'intesa con il campione del mondo transalpino sulla base di un contratto triennale da 2.5-3 milioni di euro netti a stagione. Bisognerà capire se le priorità dei due club fino ad allora cambieranno, con la volontà magari di sfruttare la sessione di trattative più lunga per puntare altri obiettivi per il reparto offensivo.