208 CONDIVISIONI

Behrami svela il segreto di Mazzarri: “Volutamente si ridicolizza”. Dietro c’è un piano

Valon Behrami, che ha avuto Walter Mazzarri come allenatore al Napoli e al Watford, spiega perchè il tecnico toscano si comporta così: “Ce lo diceva chiaramente, poi entrava nello spogliatoio e spaccava i tavoli”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Paolo Fiorenza
208 CONDIVISIONI
Immagine

Giornata di revival ieri a Castel Volturno, dove si è rivisto dopo 10 anni Walter Mazzarri: aveva lasciato il Napoli secondo nel suo ultimo campionato in azzurro prima di andare all'Inter, lo ritrova oggi quarto – ma con una rosa più forte, quella dello Scudetto senza Kim – dovendo ricostruire le certezze smarrite del recente passato. Ci metterà dentro tutta la voglia matta che ha di far vedere al mondo che è ancora competitivo e probabilmente darà ancora vita ad alcuni siparietti che poi sono diventati meme, così come tirerà fuori le sue classiche scuse improponibili. Ne è sicuro Valon Berhami, che parla di un piano preciso al riguardo del 62enne tecnico toscano.

"Lui è uno che volutamente quasi si ridicolizza quando va a parlare con la stampa. Ma lo fa per proteggere la squadra – dice l'ex centrocampista svizzero, che ha giocato nel Napoli di Mazzarri per una stagione, quella del secondo posto – È assolutamente così. Perché poi entra nello spogliatoio e spacca i tavoli. Con noi lo faceva sistematicamente. Ce lo diceva chiaramente che andava lì e diceva certe cose solo per proteggere noi e spostare l'attenzione dai nostri errori in campo".

Valon Behrami con Walter Mazzarri durante un Napoli-Roma del gennaio 2013
Valon Behrami con Walter Mazzarri durante un Napoli-Roma del gennaio 2013

I due si sono poi rincontrati dopo tre anni al Watford e niente era cambiato: "Ricordo che quando eravamo in Inghilterra gli ho detto che non doveva prendersi lui tutte le colpe, non era giusto. Ma non ne voleva sapere: mi diceva che così doveva essere. E adesso sicuramente si inventerà qualcosa per farsi attaccare in prima persona piuttosto che far ricevere critiche alla squadra".

Behrami spiega che i calciatori lo amavano anche per questo: "Non può non piacere. Ti fa legare tantissimo con il tuo allenatore. E da questo punto di vista credo che sia mancato qualcosa con Garcia, che metteva tanto lui in prima persona, piuttosto che curare le dinamiche della squadra e quello che stava succedendo. Mi ha sempre dato l'impressione di volerne uscire bene lui piuttosto che pensare a quello che hanno fatto questi ragazzi".

Oggi il 38enne Behrami è uno degli opinionisti di DAZN e dunque alla ripresa del campionato, nel dopo partita di Atalanta-Napoli, toccherà anche a lui fare qualche domanda al suo ex allenatore: "Lui è un papà per me. Una cosa è certa: non posso fargli domande strane, c'è troppa confidenza tra noi. Innanzitutto speriamo che sia di buon umore. Perché fargli le domande già mi manda in crisi…".

208 CONDIVISIONI
Mazzarri svela il problema di Osimhen per Napoli-Genoa: "L'ultima volta era spappolato"
Mazzarri svela il problema di Osimhen per Napoli-Genoa: "L'ultima volta era spappolato"
Cech svela il segreto di Mourinho: "Spero che non gli dispiaccia se lo dico". Erano tante bugie
Cech svela il segreto di Mourinho: "Spero che non gli dispiaccia se lo dico". Erano tante bugie
Svelata la tattica di Sinner per vincere l'Australian Open, è il "piano Agassi": dietro c'è Cahill
Svelata la tattica di Sinner per vincere l'Australian Open, è il "piano Agassi": dietro c'è Cahill
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni