La NBA si avvicina a grandi passi alle finali di Conference. Nella Eastern Conference i Miami Heat sono già in finale e attendono Boston Celtics o Toronto Raptors (che sono 3-3), nella Western invece si va verso un super derby tra le squadre di Los Angeles: i Clippers, che conducono 3-1 sui Denver Naggets, e i Lakers che la scorsa notte si sono portati sul 3-1 contro Houston Rockets. Dopo l'incontro Anthony Davis ha indossato la maglia di Kobe Bryant, che era il suo idolo e che aveva omaggiato con tatuaggio pochi giorni dopo la sua tragica morte. E in un'intervista l'ala dei Lakers ha svelato che lui e i suoi compagni spesso ricordano Kobe mentre sono in campo.

I Lakers ricordano Kobe Bryant

Dopo il 110 a 100 sui Rockets Davis si è presentato davanti ai microfoni della tv e dopo essere stato interrotto da un cane che stava abbaiando ha rivelato che sia lui che i compagni di squadra spesso pensano al cestista, tragicamente scomparso in un incidente con un elicottero lo scorso 26 gennaio. Davis ha detto che dopo ogni timeout dicono forte ‘Mamba 3': "Sicuramente penso a lui tutto il tempo dentro e fuori dal campo. Non solo io, ma l'intera squadra dei Los Angeles Lakers pensa a lui tutto il tempo. Diciamo "Mamba su 3" dopo ogni timeout e ogni volta che chiacchieriamo e sappiamo che lui è con noi. Sappiamo che non stiamo solo giocando per vincere la NBA, ma stiamo giocando per lui ".

Lakers a caccia del titolo NBA che manca dal 2010

Quest'anno con in panchina Frank Vogel i Los Angeles Lakers sono tornati grandi. Hanno vissuto stagioni durissime i Lakers che per sei anni di fila hanno mancato la partecipazione ai playoff, ora sono a un passo dalla finale di Conference, dopo aver vinto anche la Division. Anthony Davis è una delle stelle e con l'aiuto del grande Lebron James ha la possibilità di riportare il titolo ai Lakers nell'anno della scomparsa di Kobe Bryant.