6 Settembre 2021
18:22

Klay Thompson pronto al rientro: con lui Golden State torna a sognare l’anello

La superstar di Golden State, la cui ultima apparizione in campo è ormai datata Finals 2019, si appresta a tornare in campo nella stagione 2021/22. Stando alle ultime indiscrezioni infatti la franchigia avrebbe segnato come data utile per il ritorno del numero 11 il 25 dicembre, contro i Suns di Chris Paul e Devin Booker. Un anticipo di quella che potrebbe essere una potenziale serie dei prossimi Playoffs.
A cura di Luca Mazzella

Si vede finalmente la luce in fondo al tunnel. Klay Thompson, guardia dei Golden State Warriors ormai ai box dal 18 novembre 2020 a causa della rottura del tendine d'Achille che a sua volta seguiva ad un altro grave infortunio, quello del legamento crociato, patito in gara 6 delle Finals del 2019, mette finalmente il campo nel mirino. Già secondo quanto aveva riportato la giornalista di ESPN Ramona Shelburne infatti, ci sarebbe una data per il rientro della guardia, che con Steph Curry e Draymond Green ha già messo 3 anelli da campione NBA (2015, 2017 e 2018) al dito: il 25 dicembre. In quella data i Warriors dovranno affrontare i Phoenix Suns campioni della Western Conference e reduci dalle Finals perse per 4-2 contro i Milwaukee Bucks.

In realtà il rientro potrebbe avvenire un po' prima dato che il tiratore sembra già essere in discreta forma come si intravede dai video che lui stesso condivide sui social, ma nell'ottica di portarlo gradualmente al meglio della condizione dopo più di 2 anni lontano dal parquet è immaginabile che lo staff tecnico guidato da Steve Kerr gli concederà piccoli scampoli di partita prima del quintetto previsto per il tanto atteso Christmas Day. A giugno, il GM della squadra Bob Myers aveva lasciato comunque intendere che il nuovo inizio di Thompson con la squadra di San Francisco sarebbe arrivato prima del 2022 "Con Klay Thompson in salute, penso che ce la giocheremo con tutti. Non so quando e come, ma mi aspetto che torni in salute. Non voglio mettere pressione con una data ma non sarà ad inizio stagione".

Lui stesso, in una live delle ultime ore, ha ammesso con entusiasmo: "Si, giocherò sicuramente alla grande quest'anno. Se Dio lo vorrà, vi farò divertire. Gli infortunio non fanno mai piacere ma fanno parte del gioco. Tutto quello che puoi fare è guardare avanti con ottimismo e proseguire nel tuo percorso. Vi garantisco che tornerò in campo al meglio"

Un rientro che potrebbe definitivamente restituire alla squadra lo status di contender perso negli ultimi due anni a causa di una serie di infortuni patiti anche dall'altra superstar del team, Steph Curry. Come lo stesso Steve Kerr ha affermato più volte facendo eco all'ottimismo del suo front-office infatti, sarà proprio lo stato di forma del numero 11 il vero x-factor per determinare quanto in fondo potrà arrivare la squadra nella stagione 2021/2022.

Con Thompson cambiano le ambizioni dei Warriors

È evidente che un roster con i Big 3 al meglio della forma (con Curry e Thompson ovviamente c'è da considerare anche Dryamond Green, fondamentale sulle due metà campo), le recenti aggiunte dal mercato che hanno finalmente allungato una panchina troppe volte rivelatasi non all'altezza negli ultimi anni (Andre Iguodala, Otto Porter, Nemanja Bjelica e i due rookie Jonathan Kuminga e Moses Moody) e ulteriori step in avanti dell'ormai affidabilissimo Andrew Wiggins e del giovane centro James Wiseman seconda scelta assoluta al draft 2020, i Warriors versione 2022 possono realmente ambire a un posto da guastafeste subito a ridosso delle favorite Brooklyn Nets, Los Angeles Lakers e Milwaukee Bucks. Se Klay dovesse tornare il giocatore ammirato nelle prime 8 stagioni con la squadra della Baia, non considerare Golden State tra i roster capaci di arrivare in fondo sarebbe un clamoroso errore. Ecco perché il 25 dicembre 2021 potrebbe essere una data capace di cambiare non solo le sorti della squadra, ma di un'intera lega che dovrà nuovamente fare i conti con una delle dinastie più vincenti e rivoluzionarie degli ultimi anni.

La serata fenomenale di Steph Curry: "Non mi sono mai preoccupato del mio tiro"
La serata fenomenale di Steph Curry: "Non mi sono mai preoccupato del mio tiro"
Prove di pace tra Ben Simmons e Philadelphia 76ers: si allena dopo settimane di tensione
Prove di pace tra Ben Simmons e Philadelphia 76ers: si allena dopo settimane di tensione
"Costretto a vaccinarmi, spero di stare bene da qui a 10 anni": Wiggins l'ha fatto solo per i soldi
"Costretto a vaccinarmi, spero di stare bene da qui a 10 anni": Wiggins l'ha fatto solo per i soldi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni