100 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Frank Chamizo resta fuori dalle Olimpiadi di Parigi dopo lo scandalo: l’ingiustizia è servita

Dopo lo scandalo in Azerbaigian, Chamizo non riesce a qualificarsi per le Olimpiadi di Parigi 2024. Il lottatore azzurro: “Il mio cuore è in lacrime”.
A cura di Gabriele Mento
100 CONDIVISIONI
Immagine

Frank Chamizo non sarà a Parigi. Dopo lo scandalo che lo ha privato del biglietto per i Giochi nel torneo di qualificazione europeo, il lottatore italo-cubano non riesce ad agguantare il pass per le Olimpiadi nell'ultima chance a disposizione, e non potrà quindi difendere la medaglia di bronzo conquistata ai Giochi di Tokyo.

Chamizo fuori dalle Olimpiadi

Nel torneo di qualificazione mondiale di Istanbul, ultima possibilità a disposizione per volare a Parigi, con 3 pass in palio nella categoria -74kg, Chamizo è stato sconfitto ai quarti di finale Chermen Valiev, atleta russo ma naturalizzato albanese. Il lottatore italiano è stato anche sfortunato, perché nel caso Valiev fosse arrivato in finale, sarebbe potuto rientrare in corsa per i ripescaggi per strappare l'ultimo pass a disposizione. Cosa che invece non è accaduta, privando l'atleta italiano di ogni possibilità di qualificazione.

Lo scandalo che ha escluso Chamizo

Chamizo, in realtà, avrebbe dovuto ottenere il pass lo scorso 7 aprile, nel torneo di qualificazione europeo disputato a Baku, in Azerbaigian. Ma lì, è avvenuto uno scandalo che ha scosso non solo il mondo della lotta, proprio ai danni dell'atleta italo-cubano. Prima il tentativo di corruzione, con Chamizo che ha raccontato di aver ricevuto un'offerta di 300 mila euro per perdere l'incontro contro l'azero Turan Bayramov.

Scandalo che è proseguito durante il match, nel quale l'italiano aveva rimontato uno svantaggio di 6 a 0 nonostante un arbitraggio molto discutibile, riuscendo nel finale a realizzare la manovra che gli avrebbe dovuto dare la vittoria e qualificarlo per Parigi. Il giudice di tappeto ha però deciso, dopo il challenge a tempo scaduto chiamato dalla squadra azera, di annullare i punti a Chamizo, nonostante Bayramov avesse chiaramente messo il ginocchio a terra prima dello scadere, regalando la vittoria al lottatore azero.

Le indagini e le conseguenze dello scandalo

Per i fatti accaduti a Baku, la United World Wrestling ha accertato le "gravi mancane arbitrali" nel corso dell'incontro, sospendendo per alcuni mesi tutti i giudici di quel match. La UWW non ha però modificato il risultato dell'incontro nonostante le paesi irregolarità, con Bayramov che resta il vincitore dell'incontro e qualificato per Parigi, mentre Chamizo non potrà difendere la medaglia di bronzo conquistata a Tokyo.

"Era difficile qualificarsi due volte… Vi voglio bene tutti, il mio cuore è in lacrimele parole di Chamizo sui social. La lotta italiana a Parigi potrà contare su una sola rappresentante, Aurora Russo, che nella categoria -57kg è riuscita a strappare il pass grazie proprio a un challenge che ha individuato la terza scorrettezza dell'incontro di Alina Hrushyna Akobia, portando alla squalifica automatica dell'ucraina.

100 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views