1.598 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

A 16 anni distrugge un record di Bolt che durava dal 2002: Bramwell fa la storia con la sua impresa

Nickecoy Bramwell è riuscito a superare il record che apparteneva a Bolt da 22 anni: il giovane giamaicano ha scritto la storia dei 400 metri maschili.
A cura di Ada Cotugno
1.598 CONDIVISIONI
Immagine

Ad appena 16 anni Nickecoy Bramwell ha distrutto un record che apparteneva a Usain Bolt da 22 anni: un'impresa che fa epoca quella del giovane velocista che ha sconvolto il mondo dell'atletica leggera con un tempo che non aveva mai raggiunto nessuno. Nel giorno di apertura dei 51esimi Giochi Carifta a St. George's, Grenada, l'atleta si è preso la scena nel prestigioso stadio di atletica leggera Kirani James che ha avuto tra i più illustri ospiti proprio il campione giamaicano.

Lì Bolt nel 2002 stabilì un nuovo record nella gara maschile dei 400 metri con un tempo di 47.33 secondi, primato disintegrato da Bramwell oltre vent'anni dopo. Il sedicenne, indicato da molti come un vero predestinato in questa disciplina, ha vinto la medaglia d'oro nella categoria under 17 arrivano al traguardo in 47.26, un tempo storico che sarà davvero difficile da superare nei prossimi anni. Il giovane, proveniente dalla Jamaica, ha scritto la storia sostituendo nell'albo d'oro il suo connazionale dopo 22 anni.

Immagine

Quando Bolt calcava quella pista lui non era ancora nato e adesso sembra avere tutte le carte in regola per poter essere uno dei suoi eredi di maggior successo. Appena ha tagliato il traguardo tutto lo stadio si è alzato in piedi per applaudirlo, consapevole di aver assistito a una gara storica. E pensare che Bramwell si era da poco ripreso da una serie di problemi al ginocchio che lo avevano tormentato negli ultimi mesi, compreso un problema al tendine che avrebbe potuto impedirgli di correre.

Invece non sono è riuscito a partecipare alla gara, ma è stato anche in grado di disintegrare il record stabilito dal più grande della storia. Il giovane atleta non si è montato la testa e ha risposto con umiltà ai cronisti che gli hanno chiesto della sua grande impresa: "È una sensazione meravigliosa battere il record. È dall’estate scorsa che tengo d’occhio il record, quindi è una bella sensazione poter venire qui e prenderlo".

1.598 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views