2.027 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Festival di Sanremo 2024

Teresa Mannino a Sanremo: “Facciamo come la società delle formiche, i maschi sono in minoranza”

Nella terza serata del Festival di Sanremo, la co-conduttrice Teresa Mannino si è resa protagonista di un lungo monologo al centro del palco: “Siamo nel 2024 ma ragioniamo come 2500 anni fa. Gli animali umani preferiscono il potere, sugli uomini, sulla natura. Anche a me piace il potere, ma il potere di, che è tutta un’altra cosa”.
A cura di Elisabetta Murina
2.027 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Teresa Mannino è la co-conduttrice della terza serata del Festival di Sanremo 2024. L'attrice e comica siciliana, sul palco dell'Ariston, si è resa protagonista di un monologo che ha coinvolto il pubblico e lo ha anche fatto riflettere.

Il monologo di Teresa Mannino a Sanremo

"Allora ragazzi siamo nel 2024, ma ragioniamo come 2500 anni fa", ha detto Teresa Mannino iniziando il suo monologo sul palco di Sanremo 2024. Poi ha continuato con una riflessione sull'essere umano in generale:

Vi dico quale è la mia teoria: nel 5 secolo avanti Cristo il filosofo greco Protagora diceva che l'uomo è misura di tutte le cose, oggi potremo dire l'uomo bianco, ricco e occidentale, è misura di tutte le cose. Solo che l'uomo questa misura l'ha proprio persa. Ma poi perché l'uomo e non le donne? Io le vedo sempre indaffarate le donne, non era meglio l'essere umano, o meglio l'animale umano, perché noi siamo animali, non ce lo dobbiamo dimenticare, ogni volta che vedo mio cognato non me lo dimentico.

Spazio poi a un riferimento al mondo animale, al fatto che hanno il loro modo di comunicare e che noi, esseri umani, siamo presuntuosi perché pensiamo di essere superiori:

Noi abbiamo il 50% del nostro patrimonio genetico uguale alle banane, con le scimmie, scimpanzé e altri primati abbiamo in comune il 98% del nostro patrimonio genetico, solo che questa informazione non è molto diffusa perché gli scimpanzé non vogliono farlo sapere. Noi siamo presuntuosi perché parliamo, ma gli animali hanno un altro modo di comunicare. Noi siciliani quando arriva uno dal Nord gli parliamo in siciliano e se non capiscono diciamo ‘questo è cretino'. La stessa presunzione l'abbiamo nei confronti degli altri essere viventi, ma loro comunicano in altro modo, gli animali col corpo, con i suoni, ad esempio i babbuini si salutano strizzandosi il pene e con questo semplice gesto acquisiscono tante informazioni, non hanno bisogno di chiedere quanti anni hai, capiscono anche la possibilità a collaborare.

"Dovremmo copiare la società dalle formiche taglia foglia"

Sempre al centro del palco, l'attrice ha poi spiegato come le formiche taglia foglia siano un modello di società a cui dovremmo ispirarci: sono sulla terra da milioni di anni, non hanno mai rovinato nulla e sono guidate da una regina madre, che sceglie il sesso dei nascituri, mentre i maschi nascono una volta all'anno:

Nell'antico testamento Giobbe dice ‘interroga gli animali e ti insegneranno'. Io ho interrogato le formiche taglia foglia, loro coltivano come noi, loro coltivano funghi, perché gli piacciono assai, fanno agricoltura da 50 milioni di anni e non hanno rovinato niente, noi facciamo agricoltura da 10mila anni e abbiamo sfinito il mondo. La società delle formiche taglia foglia ha una regina madre, i maschi sono una piccola minoranza, la regina madre sceglie il sesso dei nascituri e quali sceglie? Femmine. I maschi nascono una volta all'anno per proseguire la specie, hanno il compito di fare questo volo nuziale e poi muoiono. Ma quanto sono avanti? Non hanno problemi con gli ex, come va con quello? È morto. E con quello di adesso? Questione di ore.

Infine la conclusione:

Gli animali umani preferiscono il potere, sugli uomini, sulla natura. Anche a me piace il potere, ma il potere di, che è tutta un'altra cosa, il potere di farvi ridere, di vestirmi di piume, di ballare in mezzo alla strada anche se mia figlia dice che la faccio vergognare. Non sono disposta a ignorare le storie che non sono ancora passate. Se non sono passate non è il momento di passare oltre.

2.027 CONDIVISIONI
760 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views