Orrore in Russia, dove Lyubov Melnikova, un’insegnante d'inglese di una scuola di Pushkino, vicino a Mosca, è stata arrestata con l’accusa di aver ucciso uno dei suoi quattro figli: la donna avrebbe impiccato il più piccolo della famiglia, Ivan, di 4 anni, approfittando dell'assenza del marito e degli altri figli. Secondo gli inquirenti che hanno condotto le indagini la quarantatreenne avrebbe utilizzato un paio di calze per impiccare il bambino.

Stando a quanto accertato quando il marito della donna è tornato a casa da una seduta di jogging insieme alle altre figlie Lyubov Melnikova si sarebbe rifiutata di farlo entrare adducendo a delle banali scuse: l'uomo si sarebbe quindi insospettito e dopo essere entrato in casa ha trovato il figlioletto morto. A quel punto ha chiamato i servizi di emergenza e ha cercato di rianimare il bambino mentre aspettava che arrivassero. Sua moglie “è rimasta inchiodata sul posto” e “non ha saputo spiegare nulla”, hanno raccontato i giornali russi.

Melnikova,madre di altre due figlie adolescenti e di un altro di 19 anni, è stata arrestata e ora dovrà rispondere di omicidio volontario. Le forze dell’ordine russe hanno rilasciato una comunicato sull’incidente: “Il dipartimento investigativo della città di Pushkino, nella regione di Mosca, ha arrestato un residente locale, 43 anni, sospettato di aver ucciso suo figlio di quattro anni”.