Avrebbe ucciso il figlioletto gettandolo da una finestra al quinto piano di una casa nel giorno del suo primo compleanno. Con questa terribile accusa un uomo di ventinove anni è finito in manette. La tragica vicenda arriva dal sud-ovest della Cina, dalla città di Dazhou, nella provincia di Sichuan. L’uomo, conosciuto col nome di Zhang, avrebbe compiuto il brutale delitto venerdì sera dopo una lite con sua madre, la nonna del bambino. La vittima, il cui nome non è stato reso noto, aveva appena compiuto un anno: è stato dichiarato morto dai paramedici dopo una caduta di 20 metri dall'appartamento a Dazhou. A quanto emerso, il ventinovenne avrebbe gettato il figlioletto dal balcone dopo una lite con la madre per i soldi. La polizia ha detto che l'incidente è avvenuto verso mezzanotte di venerdì scorso e che Zhang, il padre della vittima, ha ammesso di aver buttato il figlio fuori dalla finestra.

I nonni in lacrime dopo la tragedia – La nonna ha detto ai giornalisti che lei e suo marito avevano allevato il nipotino mentre il figlio e la nuora lavoravano e che quella sera aveva litigato col ventinovenne per questioni economiche. “Il bambino piangeva tra le mie braccia e lui ha detto che lo avrebbe preso. Pensavo che lo avrebbe messo a letto ma invece lo ha preso e lo ha buttato dalla finestra”, ha raccontato la nonna. I media locali hanno mostrato le immagini dei nonni in lacrime che cullavano il corpo senza vita del bambino sotto casa. Lo stesso Zhang avrebbe tentato di saltare dalla finestra dopo il bambino, ma i suoi genitori lo avrebbero fermato. La polizia sta conducendo ulteriori indagini sull'accaduto e ha ascoltato anche la mamma del piccolo.