531 CONDIVISIONI
22 Agosto 2018
12:06

Mamma malata terminale scrive lettere che la figlia leggerà nei momenti più importanti della sua vita

Sophie George, una donna di 27 anni, ha davanti a sé solo pochi mesi di vita a causa di una malattia in stato terminale. Per questo ha deciso di scrivere lettere che la figlia, di appena un anno, leggerà nei momenti chiave della sua vita.
A cura di D. F.
531 CONDIVISIONI

Sophie George, una donna di 27 anni di Clacton-on-Sea, in Gran Bretagna, ha davanti a sé appena un anno di vita. Dopo la diagnosi di un tumore al cervello inoperabile i medici le hanno detto che con ogni probabilità sarebbe morta nel giro di qualche mese, un tempo estremamente limitato durante il quale cercare di concentrare esperienze ed emozioni soprattutto a beneficio di sua figlia Marcia, che ha appena un anno e quando sarà grande non avrà più una mamma. Per questo Sophie ha deciso di sposare il suo compagno Jay e di viaggiare il più possibile.

La donna però sta facendo anche altro: sta infatti scrivendo delle lettere che Marcie potrà leggere solo tra qualche anno e soprattutto nei momenti cruciali della sua vita: il primo giorno di scuola, i compleanni, il matrimonio, il primo figlio: "Voglio creare dei ricordi – dice la 27enne – voglio che lei non dimentichi i momenti passati con sua madre. Mi fa paura pensare che non sarò con lei ogni giorno. Per questo voglio che nell'arco della sua vita lei senta che la sua mamma è accanto a lei, a questo servono le lettere che sto scrivendo: per tutti quei momenti in cui avrà bisogno di parlare con sua madre e io non ci sarò. Deve sapere che anche da lassù io veglierò su di lei  e la terrò al sicuro. E sarà per sempre".

In una delle lettere Sophie scrive: "Mia cara Marcie, oggi è il tuo primo giorno di scuola e anche se la mamma non è lì per tenerti la mano o dirti "ciao" mentre entri nella tua classe, io veglierò su di te e ti proteggerò. C'è un fazzoletto di carta nella tua cartella che papà ha spruzzato con il profumo della mamma: se ti spaventi, annusa il profumo della tua mamma e vedrai che tutto andrà bene. Può darsi che alcuni bambini non si comportino in modo molto gentile con te e tu potresti sentirti triste, ma non preoccuparti, tua madre ti amerà sempre moltissimo. Ogni volta che ti senti triste, dai una stretta ai tuoi orsacchiotti e sentirai la voce di mamma".

531 CONDIVISIONI
"Ho perso e ritrovato mia figlia, ma ora è tardi", l’odissea di Orazio, malato di Parkinson
19.156 di Chiara Daffini
130 libri da leggere almeno una volta nella vita: i titoli da non perdere assolutamente
130 libri da leggere almeno una volta nella vita: i titoli da non perdere assolutamente
Cappato si autodenuncia per l'eutanasia di Elena in Svizzera:
Cappato si autodenuncia per l'eutanasia di Elena in Svizzera: "Se ce lo chiederanno aiuteremo ancora"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni