I genitori lo hanno lasciato con il pannolino sporco per così tanto tempo da innescare un’infestazione di vermi. Sterling Koehn, un bimbo americano di appena 4 mesi, originario di Alta Vista, cittadina situata nella Contea di Chickasaw, è stato trovato morto lo scorso agosto, con gli investigatori che hanno scoperto che al piccolo non era mai stato cambiato il pannolino nelle ultime due settimane, tanto da attirare insetti che hanno depositato uova, fino all’infestazione di vermi. La morte è sopraggiunta a causa dell’Escherichia Coli, un batterio molto pericoloso per i neonati.

Secondo quanto si legge sul Daily Mail, il procuratore Coleman McAllister ha riferito ai giurati che Sterling sarebbe stato ucciso da in “una dermatite da pannolino”. Il padre di Sterling, Zachary Koehn, 29 anni, è ora sotto processo. Reed Palo, un deputato dell’ufficio dello sceriffo della contea di Chickasaw, ha partecipato all’autopsia del bimbo e ha raccontato di come siano stati scoperti vermi e larve: il medico-esaminatore ha rimosso strati di coperte e vestiti sporchi dal bambino. Al momento del decesso, il piccolo era malnutrito e disidratato, ha aggiunto Palo.

Un amico del bimbo, Jordan Clark, ha detto ai giurati che sapeva che Koehn aveva una figlia di due anni, che viveva nell’appartamento e sembrava essere ben curata e si è detto sicuro che l’uomo avesse i soldi per comprare cibo e provviste alla figlia. Ma non aveva idea che il 29enne avesse avuto anche un altro bambino con la fidanzata Cheyanne Harris, 20 anni, nonostante avesse fatto visita più di una volta alla coppia nel loro appartamento a Mount Pleasant, nell’Iowa.