Chiusa nella gabbia e buttata in un lago ghiacciato dove sarebbe andata in contro a morte certa. È questa la sorte toccata a una cagnolina ribattezza Dory che sarebbe sicuramente morta se non avesse trovato sulla sua strada Bryant Fritz, un insegnante statunitense che nelle scorso weekend si trovava proprio  sulle rive del lago ghiacciato dell'Illinois per pescare. Alla vista della cagnolina in difficoltà, l'uomo non ha esitato nemmeno un attimo, si è tuffato nelle fredde acque del lago Kaufman a Champaign e l'ha riportata a riva a nuoto prima di chiamare i soccorsi. "Quando l'ho vista nell'acqua inizialmente ho pensato di chiamare qualcuno ma non c'era nessuno in giro e temevo non potesse resistere più di 5 minuti", ha spiegato l'insegnante di scienze di scuola media

Dopo averla salvata, l'uomo ha messo la cagnolina in macchina l'ha avvolta in una coperta e si è diretto subito alla clinica veterinaria dell'Istituto di veterinaria dell'Università dell'Illinois che l'ha presa in cura. Il cane è arrivato nella struttura quasi ghiacciato e vi sono volute circa tre ore di riscaldamento per portare la sua temperatura a livelli normali. Dory inoltre aveva ferite su tutto il corpo che non sembrano essere legate al fatto di essere stata gettata nel lago. Ora la cucciola, affidata ai i servizi di controllo degli animali, si sta riprendendo ma Bryant, che ha perso da poco il suo cane, è pronto ad adottarlo vedendo in quel salvataggio che li ha fatti incontrare un destino non casuale.