Il presidente della Regione Lazio e segretario nazionale del Partito democratico, Nicola Zingaretti, ha proposto ufficialmente di allargare la maggioranza della sua giunta al Movimento 5 Stelle. Lo ha fatto intervenendo alla direzione del Pd del Lazio, convocata proprio per discutere in merito a questa possibile novità politica: "La decisione di questi giorni guarda al futuro, anche alle scelte che dovremo fare. L'obiettivo è dare stabilità a un sistema e rafforzare la competitività della coalizione del centrosinistra. Il progetto è un grande PD in un'alleanza competitiva. Questo passaggio rafforza la Regione che era già stabile, ma soprattutto la proietta verso il futuro", sarebbero state le parole del segretario secondo fonti Pd.

Le differenze col Movimento 5 Stelle, ha ammesso Zingaretti, "sono immense, nessuno deve confondere l'idea di un accordo con l'eliminazione delle differenze, ma non dobbiamo nemmeno confondere il concetto di differenza con quello di divisione. Le alleanze servono per costruire un campo tra differenze, nelle quali ci sarà competizione". Ha poi aggiunto il governatore del Lazio: "Ma scusate nell'altro campo la Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia non hanno identità in totale contrapposizione in queste ore? Fratelli d'Italia sta all'opposizione e gli altri due al governo. Eppure pensate ci faranno regali alle prossime elezioni amministrative o regionali? No, saranno una falange armata che schianta e ci sfonda su tutti i territori. Quindi non dobbiamo vivere l'ipotesi o l'idea di un'alleanza come una eliminazione di differenze ma come la ricostruzione di un campo dove le differenze trovano dei punti di sintesi. Su questo sarà molto importante il programma e il perché noi diciamo ‘Nei prossimi due anni decidiamo di fare queste cinque o dieci cose insieme'".

Astorre: "È l'ora di un passo in avanti coraggioso e necessario"

Il possibile patto politico tra Pd e 5 Stelle alla Pisana è stato introdotto in apertura dei lavori dal segretario regionale dem, il senatore Bruno Astorre: "E' l'ora di un passo in avanti coraggioso e necessario, sul rafforzamento politico della maggioranza di centrosinistra nel Lazio che porterà anche a un rafforzamento in assemblea, in virtù degli otto consiglieri regionali del M5S. E' utile è giusto per i cittadini del Lazio".  La direzione regionale del PD Lazio darà quindi mandato al presidente Zingaretti e al capogruppo Marco Vincenzi di verificare "insieme alle altre forze di maggioranza le condizioni politiche, programmatiche e organigrammatiche per costruire un nuovo patto di maggioranza in Regione Lazio tra le attuali forze politiche che sostengono la giunta e il Movimento 5 Stelle". La votazione su questo ordine del giorno, stando a quanto si apprende, dovrebbe avvenire nella giornata di domani. Sul versante 5 Stelle, sembra che la decisione di entrare o meno nella maggioranza alla Regione Lazio sarà votata dagli iscritti su Rousseau. Potrebbe entrare in giunta la capogruppo grillina Roberta Lombardi, a cui andrebbe l'assessorato alla Transizione Ecologica.