33 CONDIVISIONI

Yirelis uccisa in casa a Cassino: continuano le indagini, decisive le analisi sulle prove

I risultati sugli oggetti sequestrati dagli inquirenti sono attesi entro la fine della settimana. La donna è stata uccisa lo scorso maggio: accusato della sua morte un operaio di 26 anni.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Beatrice Tominic
33 CONDIVISIONI
Immagine

Continuano le indagini sulla morte di Yirelis Peña Santana, la trentaquattrenne di origine domenicane ritrovata senza vita nell'appartamento in cui viveva a Cassino lo scorso maggio. Il corpo della donna si trovava in un lago di sangue quando è stato trovato da un vicino dell'appartamento, in via Pascoli. Proprio dall'abitazione gli inquirenti, nel corso delle varie perquisizioni, hanno isolato e prelevato alcune prove, al vaglio del laboratorio in queste ore.

I risultati degli esami, in corso nella sezione di Genetica forense e di Balistica della polizia scientifica di Roma, potrebbero portare chiarimenti necessari alla chiusura delle indagini, come riporta Ciociaria Oggi.it.

Accusato un operaio ventiseienne

Per quanto accaduto alla donna, è stato accusato un operaio di 26 anni: quando è stato bloccato dalla polizia, nella stazione di bus di Cassino, di ritorno da Roma, avrebbe avuto ancora le scarpe sporche di sangue. Prima di ucciderla a coltellate, l'avrebbe picchiata brutalmente. Poi l'avrebbe attaccata con un coltello: quattro i colpi fatali, uno dei quali le avrebbe perforato un polmone. La morte sarebbe sopraggiunta qualche ora dopo. Ad incastrarlo, oltre alle scarpe e ai vestiti, ancora sporchi di sangue, un'impronta insanguinata sul muro dell'appartamento della donna, ai piedi del corpo.

Il giovane si trova in stato di fermo in carcere, ma lui continua a negare le accusa. Nel frattempo non si esclude che possa essere sottoposto ad una nuova perizia psichiatrica per verificare che il ventiseienne fosse capace di intendere e di volere al momento dei fatti. Secondo l'esperto della difesa, non era lucido. Opinione diversa quella dell'esperto scelto dalla Procura.

33 CONDIVISIONI
Dicono di non aver occupato la scuola, ma vengono puniti: all'Archimede pronti a rivolgersi al Tar
Dicono di non aver occupato la scuola, ma vengono puniti: all'Archimede pronti a rivolgersi al Tar
Anziana scomparsa e trovata morta nei boschi del lago di Vico: il figlio ha nascosto il corpo
Anziana scomparsa e trovata morta nei boschi del lago di Vico: il figlio ha nascosto il corpo
La vita di Ousmane Sylla intrappolata nel limbo di un Cpr: si è ucciso perché non poteva tornare a casa
La vita di Ousmane Sylla intrappolata nel limbo di un Cpr: si è ucciso perché non poteva tornare a casa
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni