Fine settimana di controlli a Roma, dove gli agenti della Polizia Locale hanno effettuato quasi 2mila verifiche tra locali, individui molesti e persone alla guida di veicoli. A seguito dei 1700 controlli, sono state chiuse alcune piazze principali della capitale, luogo di ritrovo e incontro di moltissimi giovani in queste sere che la calura estiva fa prediligere i luoghi aperti e arieggiate. Sono state chiuse piazze nelle zone di Trastevere, San Lorenzo e Rione Monti: troppe persone assembrate, con il conseguente pericolo di una nuova diffusione del contagio. Multati anche sessanta locali in tutta Roma per aver somministrato e venduto alcol al di fuori dell'orario consentito. Ventuno sono invece le violazioni accertate per occupazioni di suolo pubblico abusive, alimenti privi di regolare etichettatura e musica ad alto volume, troppo al di sopra del limite consentito.

Raggi: "Controlli andati avanti fino all'alba"

"I presidi dei vigili nei luoghi maggiormente interessati dai fenomeni molesti sono proseguiti fino all’alba – dichiara la sindaca Virginia Raggi – consentendo di limitare la formazione di affollamenti. I controlli si sono estesi fino ad Ostia, con accertamenti mirati in varie zone del litorale romano. Ancora una volta ringrazio tutti gli agenti del corpo della Polizia Locale per il lavoro che ogni giorno svolgono al servizio della nostra città".

Blitz ad Ariccia, chiuse 13 fraschette

E sempre nella serata di ieri, il blitz delle forze dell'ordine ha interessato anche le fraschette di Ariccia, tredici delle quali sono state chiuse proprio nell'ambito dei controlli anticovid. I provvedimenti hanno scatenato le proteste dei gestori, che adesso devono rimanere chiusi per cinque giorni, perdendo tutte le prenotazioni che faticosamente stavano risalendo dopo la fine del lockdown.