Notte di terrore per una ragazza di 19 anni, chiusa dentro un appartamento e violentata sotto minaccia di un coltello. È avvenuto in un'abitazione di via Castellinaldo, nella zona di Ponte Galeria a Roma. L'uomo che l'ha stuprata, un 40enne, è stato arrestato dai carabinieri di Ponte Galeria e dal Nucleo investigativo di Ostia, che hanno fatto irruzione nella casa e fermato lo stupratore. Tutto è cominciato ieri sera quando il 40enne ha contattato la giovane, escort di professione, concordando una prestazione sessuale a pagamento. La ragazza è arrivata sul posto accompagnata da un'amica, che aveva il compito di aspettarla fuori casa del cliente. Ma il tempo passava e della 19enne non c'era nessun segno. L'amica non riusciva a contattarla né a parlare con lei telefonicamente e così, spaventata da quanto stava avvenendo, ha deciso di dare l'allarme e chiamare i carabinieri.

Sequestra e violenta 19enne, poi aggredisce i carabinieri

Sul posto sono giunti i carabinieri di Ponte Galeria e il Nucleo investigativo di Ostia, che sono riusciti a entrare nell'appartamento. Qui hanno subito individuato la 19enne, che ha iniziato a urlare per chiedere aiuto. L'uomo che l'aveva violentata ha provato a fuggire, e nel tentativo di fuga ha aggredito i carabinieri. Fermato, è stato arrestato e portato in carcere con l'accusa di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e resistenza a pubblico ufficiale. Il racconto della 19enne è stato agghiacciante: la ragazza ha dichiarato di essere arrivata nell'appartamento e di essere stata subito chiusa in una camera dell'uomo, che l'ha violentata sotto minaccia di un coltello, che è stato poi sequestrato. Portata in ospedale, le sue ferite sono state giudicate guaribili in sette giorni.