665 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Agosto 2021
10:45

Senza mascherina, spara al vigilante che non lo fa entrare nel supermercato: uomo in fuga a Roma

Fortunatamente, la guardia giurata non è stata colpita dal proiettile, che ha invece infranto una vetrina del supermercato. Sulla vicenda indagano gli agenti della Polizia di Stato, che hanno visionato le immagini delle telecamere dell’esercizio commerciale e sono sulle tracce del responsabile, che si è dato alla fuga.
A cura di Valerio Papadia
665 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Momenti di tensione e paura, nella serata di ieri, venerdì 20 agosto, a Finocchio, borgata alla periferia di Roma, dove all'esterno di un supermercato un uomo ha sparato contro una guardia giurata, infastidito perché il vigilante gli aveva chiesto di indossare la mascherina per entrare nell'esercizio commerciale. La vicenda, come detto ieri sera, intorno alle 20: l'uomo, che non indossava la mascherina – obbligatoria in tutti i luoghi al chiuso secondo le normative anti-Covid vigenti – pretendeva di entrare ugualmente nel supermercato per fare la spesa, ma la guardia giurata all'ingresso gli ha vietato l'accesso. Inizialmente, l'uomo ha incassato il rifiuto ed è andato via, tornando pochi minuti dopo armato di pistola, con la quale ha fatto fuoco: uno solo il colpo esploso in direzione della guardia giurata, che per fortuna non è andato a segno, ma ha infranto la vetrina del supermercato.

Dopo aver esploso il colpo, l'uomo si è dato alla fuga. Su segnalazione, sul posto sono arrivati gli agenti del commissariato Casilino della Polizia di Stato, che hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza del supermercato nella speranza di riuscire ad identificare l'uomo: stando a quanto si apprende, la guardia giurata avrebbe raccontato agli inquirenti che l'uomo, italiano, non è un cliente abituale del supermercato.

665 CONDIVISIONI
29723 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni