1.879 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Marzo 2021
22:39

Roma, incendiato il portone dell’Istituto Superiore di Sanità

È stato dato alle fiamme il portone dell’Istituto Superiore di Sanità in viale Regina Elena, a Roma. Sul gesto, avvenuto verso le 20 di oggi, domenica 14 marzo, indagano i carabinieri che non escludono alcuna pista. Da domani il Lazio sarà in zona rossa e quanto successo potrebbe essere un gesto intimidatorio.
A cura di Filippo M. Capra
1.879 CONDIVISIONI
Il portone dell’Iss dato alle fiamme (LaPresse)
Il portone dell’Iss dato alle fiamme (LaPresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Qualcuno, ancora non identificato, ha appiccato il fuoco sul portone dell'Istituto Superiore di Sanità, a Roma. Il gesto vandalico e criminale è stato commesso nella serata di oggi, domenica 14 marzo, e non è stato ancora rivendicato da nessuno. Gli inquirenti che indagano su quanto successo non escludono alcuna pista, specialmente quelle che portano a cittadini stufi di essere chiusi in casa. L'Iss, infatti, è l'ente che più di tutti indirizza il Governo sulle chiusure da attuare per contenere l'epidemia da Covid basandosi sui 21 indicatori tra cui anche l'Rt.

Portone dell'Istituto Superiore di Sanità dato alle fiamme

Secondo quanto riportate dalle agenzie di stampa, i danni recati al portone della sede dell'Iss si concentrano sulla parte bassa. Questo lascerebbe presumere che il responsabile del gesto possa essere passato da viale Regina Elena, dove si trova l'Iss, rovesciando il contenuto infiammabile ai piedi del portone prima di dargli fuoco. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono intervenuti i carabinieri che stanno indagando. Uno dei possibili moventi potrebbe essere riconducibile al passaggio del Lazio in zona rossa da domani 15 marzo dopo un lungo periodo in zona gialla.

(LaPresse)
(LaPresse)

Secondo quanto riportato dal Corriere della sera, quanto successo viene considerato con estrema importanza dagli inquirenti in quanto, nonostante non si creda ci siano dei professionisti dietro il gesto, potrebbe rappresentare il primo gesto dimostrativo di altri ancora in via di organizzazione. Franco Gabrielli, ex capo della polizia e ora sottosegretario della Presidenza del consiglio con delega alla Sicurezza del Paese, già a capodanno aveva avvisato di possibili gesti simili strettamente legati all'emergenza sociale durante l'anno in corso. Il concetto e i timori di Gabrielli sono stati ripresi anche nel discorso di insediamento del nuovo capo della polizia Lamberto Giannini.

Speranza: Inaccettabili gli atti intimidatori contro l'Iss

A stretto giro è arrivato anche il commento del Ministro della Salute Roberto Speranza che su Twitter ha scritto: "Sono inaccettabili gli atti intimidatori contro l’Istituto Superiore di Sanità. A Silvio Brusaferro e a tutte le donne e gli uomini dell’ISS va il mio pieno sostegno e la gratitudine per il lavoro straordinario fatto ogni giorno al servizio del Paese".

1.879 CONDIVISIONI
32104 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni