1.572 CONDIVISIONI
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro
5 Luglio 2022
19:51

Omicidio Willy, legale di parte civile: “Altro che sentenza mediatica, solido impianto accusatorio”

Massimo Ferrandino, legale di parte civile per il comune di Artena, ha commentato le parole dell’avvocato dei fratelli Bianchi, che aveva definito quello di Willy Monteiro Duarte un ‘processo mediatico’.
A cura di Natascia Grbic
1.572 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro

"Credo che la sentenza di ieri abbia definitivamente mandato in soffitta una strategia processuale anni '80 e cioè quella dello scaricabarile che ormai non fa più breccia nelle Corti di Assise. Il sacrificio di Willy, ragazzo serio, lavoratore e grande sportivo non è stato un sacrificio vano, causato dagli imputati che a differenza sua avevano uno stile di vita volto alla sopraffazione ed alla violenza". Lo ha dichiarato in un'intervista all'Adnkronos Massimo Ferrandino, parte civile per il comune di Artena, in relazione alla sentenza per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte.

Ferrandino ha commentato anche le parole di Massimiliano Pica, legale dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi, che ha definito quella di ieri una ‘sentenza mediatica‘. "Altro che sentenza mediatica, quella di Willy è il risultato di un solidissimo impianto accusatorio, costruito da tutto l'ufficio del pubblico ministero. I dottori Paoletti, Brando e Taglialatela hanno fatto un lavoro straordinario, scrupoloso, faticoso".

La sentenza: ergastolo ai Bianchi, 23 anni a Belleggia, 21 a Pincarelli

I giudici della prima Corte d'Assise del Tribunale di Frosinone hanno condannato in primo grado i fratelli Marco e Gabriele Bianchi alla pena dell'ergastolo, Francesco Belleggia a ventitré anni e Mario Pincarelli a ventuno anni di reclusione.

La sentenza è stata accolta con grida di gioia dagli amici e dalla famiglia di Willy: "Finalmente giustizia è stata fatta, siamo sollevati", hanno dichiarato a più riprese. La madre, il padre e la sorella di Willy si sono allontanati dopo il verdetto, preferendo non rilasciare dichiarazioni ai giornalisti. Solo Armando Monteiro Duarte, con i suoi avvocati, ha definito quella di ieri "una sentenza giusta".

1.572 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni