1.581 CONDIVISIONI
Omicidio Desirée Mariottini a Roma
19 Giugno 2021
22:56

Omicidio Desiree Mariottini, la sentenza: tutti condannati, due ergastoli

Due ergastoli e due condanne a 24 e a 27 anni di reclusione per i quattro imputati: è arrivata in tarda serata la sentenza per la morte di Desirée Mariottini, la sedicenne che due anni e mezzo fa è stata trovata senza vita in uno stabile abbandonato in via dei Lucani nel quartiere di San Lorenzo a Roma.
A cura di Redazione Roma
1.581 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Desirée Mariottini a Roma

È arrivata dopo nove ore di camera di consiglio la sentenza per la morte di Desirée Mariottini, la sedicenne che due anni e mezzo fa è stata trovata senza vita in uno stabile abbandonato in via dei Lucani nel quartiere di San Lorenzo a Roma. Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe sono stati tutti condannati per aver ucciso con un mix letale la sedicenne di Cisterna di Latina, abusando anche di lei all'interno dell'edificio fatiscente rifugio di pusher e tossicodipendenti. Mamadou Gara e Yussef Salia sono stati condannati all'ergastolo, Alinno Chima è stato condannato a 27 anni e Brian Minthe a 24 anni e sei mesi di reclusione. Questa la decisione dei giudici della terza Corte di Assise di Roma.

I quattro erano accusati di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori. Solo per Gara la Procura aveva chiesto l'assoluzione per i reati di cessione di stupefacenti e induzione alla prostituzione, per tutti e quattro era stato chiesto l'ergastolo lo scorso dicembre. La sentenza di oggi arriva dopo la condanna a sei anni con rito abbreviato per la 20enne Antonella Fauntleroy, ritenuta responsabile di aver venduto dello stupefacente all'amica minorenne.

La morte di Desiree Mariottini a San Lorenzo

È il 19 ottobre del 2018 quando il corpo senza vita di Desiree Mariottini viene rinvenuto nello stabile di via dei Lucani. Sul corpo i segni delle violenze subite mentre immediatamente diventa chiaro come la giovane avesse assunto una quantità letale di stupefacenti. E proprio in cerca di eroina la 16enne era arrivata da Cisterna di Latina a Roma, dirigendosi verso San Lorenzo dove sapeva di poter incontrare dei pusher disposti a cedergli lo stupefacente. L'intera città è sotto choc: Desiree prima è stata drogata, poi violentata in gruppo e infine lasciata morire senza che nessuno l'aiutasse o cercasse aiuto. Un martirio che lascia sgomento il paese e la capitale. La caccia all'uomo porta prima all'arresto di Mamadou Gara, 27 anni, e Brian Minteh, 43 anni, il 25 ottobre. Poco dopo vengono anche individuati e fermati anche Alinno Chima, 47 anni, e Yusif Salia. Tutti e quattro gli accusati si erano dati alla fuga.

1.581 CONDIVISIONI
79 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni