Il centro vaccinale di Porta di Roma
in foto: Il centro vaccinale di Porta di Roma

La scelta di posticipare il richiamo del vaccino Pfizer ha consentito al Lazio di ‘liberare' altri 100mila appuntamenti per le prime dosi di questo siero nel mese di maggio. I cittadini over 50 (dal momento che gran parte degli over 60 ha già prenotato almeno la propria prima dose) potranno quindi fissare un appuntamento anche per la somministrazione di questo vaccino. Nella giornata di domenica, infatti, la Regione Lazio aveva annunciato di avere esaurito la disponibilità di ‘slot' per prime dosi Pfizer e aveva invece fatto sapere che erano ancora disponibili circa 100mila appuntamenti per i vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca. A giugno, ha annunciato l'assessore D'Amato, è previsto l'arrivo del 30 per cento di dosi in più rispetto al mese di maggio, con un aumento soprattutto di dosi Pfizer. Questo dovrebbe consentire di completare le prenotazioni almeno dei 40enni, ma la speranza della Regione è quella di riuscire a cominciare anche con gli appuntamenti dei 30enni.

Nel Lazio richiami Pfizer a 35 giorni dal 17 maggio

Nella giornata di lunedì la Regione Lazio ha annunciato che a partire dagli appuntamenti fissati per lunedì 17 maggio (sia prime dosi che richiami), le seconde dosi del vaccino Pfizer verranno inoculate a distanza di 35 giorni dalla prima. Questo, come detto, consentirà di recuperare 100mila appuntamenti per le prime dosi nel mese di maggio. La decisione è stata presa facendo riferimento a una raccomandazione del Comitato Tecnico Scientifico citata in una recente circolare del Ministero della Salute a firma di Gianni Rezza. Rileva il Cts che una porzione rilevante della popolazione non è stata vaccinata. Dal momento che diversi studi confermano che l'efficacia del vaccino non diminuisce se il richiamo viene effettuato entro 42 giorni dalla prima dose e considerando il fatto che dopo la prima dose l'80 per cento delle persone è già protetto dallo sviluppo di una forma grave della malattia da Covid-19, gli esperti invitavano le Regioni a posticipare i richiami dei vaccini Pfizer e Moderna (attualmente venivano somministrati rispettivamente dopo 21 e 28 giorni). Il Lazio ha deciso di posticipare la data del richiamo di Pfizer a 35 giorni e di non modificare, per il momento, gli appuntamenti delle seconde dosi di Moderna.

Prenotazioni aperte ai 54enni nel Lazio

Ricordiamo che attualmente (11 maggio) nel Lazio possono prenotare il vaccino tutti i cittadini con età pari o superiore a 54 anni. Possono prenotare anche coloro che hanno più di 18 anni e presentano una condizione di comorbidità (hanno una esenzione per patologia). Nel Lazio anche gli over 50 possono prenotare i vaccini AstraZeneca e Johnson&Johnson, raccomandati dall'Aifa alla popolazione con più di 60 anni per correlazione tra l'utilizzo di questi due farmaci e casi rarissimi di trombosi cerebrale associato a livelli alti di piastrine.