1.544 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Gennaio 2022
17:05

Morta una 28enne incinta: ha contratto il Covid-19 e non era vaccinata

Il Policlinico Umberto I ha comunicato il decesso di una donna di 28 anni incinta, che non era vaccinata e ha contratto il Covid-19. Salvo il neonato.
A cura di Alessia Rabbai
1.544 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una donna di ventotto anni incinta è morta, dopo aver contratto il Covid-19. La paziente, come dichiarato dall'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio in una nota diffusa a mezzo stampa, non era vaccinata. Secondo le informazioni apprese la donna, che stava affrontando una gravidanza ed era giunta quasi al termine della gestazione, alla trentunesima settimana, ha manifestato i sintomi del virus il 29 dicembre scorso. Le sue condizioni di salute si sono aggravate, nonostante la giovane età, e hanno richiesto il ricovero ospedaliero.

La 28enne incinta aveva la polmonite bilaterale da Covid-19

Il 7 gennaio, dopo aver riscontrato difficoltà respiratorie, la ventottenne ha raggiunto il pronto soccorso ostetrico del Policlinico Umberto I, dove il 13 gennaio è peggiorata a causa della polmonite bilaterale da Covid-19, fino al decesso, avvenuto intorno alle ore 4 della notte tra il 20 e 21 gennaio. Il figlio che portava in grembo è stato fatto nascere con un parto cesareo d'urgenza, il neonato è prematuro ma fortunatamente è stabile e respira da solo. Ad informare del decesso l'ospedale, il quale ha avvisato l'Unità di Crisi Covid regionale.

"Assoluta importanza di vaccinarsi anche in gravidanza"

“Durante le fasi della degenza si è tentato di tutto per salvare la vita della giovane, compresa la terapia intensiva in ECMO (tecnica di circolazione extra-corporea) – si legge nella nota diffusa dall'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio rispetto alla comunicazione della sua scomparsa – Ricordiamo l’assoluta importanza di vaccinarsi anche in gravidanza”.

Il vaccino in gravidanza è sicuro ed evita gravi complicazioni

L'agenzia europea del Farmaco (Ema) ha evidenziato che vaccinarsi in gravidanza non solo è sicuro, ma evita anche complicazioni alla mamma e al bambino nel caso in cui si dovesse entrare in contatto con il Covid-19. I vaccini a Rna messaggero – Pfizer e Moderna – infatti non provocano eventi avversi gravi, come aborti spontanei, nascite pretermine o effetti avversi nei bambini non ancora nati e come dimostrerebbe una revisione dettagliata di diversi studi che includono 65mila gravidanze in diverse fasi gestazionali.

1.544 CONDIVISIONI
31061 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni