Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Gli asili nido di Roma e del Lazio (destinati ai bimbi più piccoli, dagli 0 ai 3 anni) potranno riaprire dal primo settembre. La Regione ha infatti emanato le linee guida per garantire una ripartenza in sicurezza, con le nuove regole che dureranno fino alla fine dello stato di emergenza e saranno ovviamente sottoposte a monitoraggi in relazione all'andamento della pandemia da coronavirus nel nostro Paese. Le linee guida prevedono una frequente igiene delle mani con acqua e sapone o con gel igienizzanti, una pulizia giornaliera degli ambienti, ingresso e uscita su turni, un registro giornaliero di tutti gli ingressi e infine la rilevazione della temperatura a tutti i bambini, gli operatori e gli accompagnatori. Chi avrà la febbre (temperatura sopra i 37,5°C) oppure sintomi respiratori o gastrointestinali riconducibili a Covid-19 non potrà accedere all'interno della struttura. Ogni educatore si dovrà occupare al massimo di 7 bambini e dovranno essere preferite (per quanto possibile) le attività all'aria aperta. Il personale sarà sottoposto al test sierologico prima dell'inizio dell'anno educativo e dovrà indossare la mascherina all'interno dell'asilo.

Troncarelli: "Ripartiamo dai più piccoli"

"I più piccoli hanno sofferto in maniera ancora più pesante le conseguenze del lockdown. La Regione Lazio nelle ultime settimane ha lavorato con un obiettivo chiaro: ripartire proprio da loro. Lo abbiamo fatto già in piena emergenza, con uno stanziamento straordinario di 14 milioni di euro in favore dei nidi per sostenere i costi di gestione e rimodulare i servizi sospesi, in vista della riapertura. Sarà fondamentale la collaborazione dei genitori, del personale, dei pediatri e dei medici di famiglia oltre che delle Asl e dei Comuni al fine di prevenire e contenere una possibile recrudescenza del virus", ha dichiarato l'assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli. "Abbiamo definito indicazioni chiare e precise affinché i bambini possano tornare negli asili in totale sicurezza, per loro, per le famiglie e per tutto il personale impiegato. I più piccoli da settembre avranno di nuovo l'opportunità di giocare e crescere insieme, sperimentando momenti di socialità importanti per una crescita sana ed equilibrata", ha concluso l'assessore.