Il governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti si è recato nella mattina di oggi – domenica 4 aprile – alla Nuvola dell'Eur, uno dei principali hub vaccinali della capitale, per portare il suo saluto al personale impegnato nelle vaccinazioni anche nel giorno di Pasqua e per fare il punto con la stampa sulla campagna vaccinale. Saranno circa 50.000 le somministrazioni che avverranno nel Lazio tra Pasqua e Pasquetta.

"I dati cominciano a essere positivi. Tra gli operatori sanitari i contagi sono crollati dopo il vaccino. – ha dichiarato Zingaretti – La percentuale dei dati dei positivi di gennaio era il 6,9%, ora a marzo sono l'1,8%. Questo conferma ancora di più che il che vaccino è lo strumento più potente. Siamo poi molto avanti anche con gli anziani over 80 e già stiamo prenotando i 67 e 68 anni".

D'Amato: "Dosi di Johnson & Johnson bastano per due giorni"

Presente alla visita anche l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato, che continua a chiedere chiarezza e un impegno maggiore sulle dosi di vaccino in attesa per le prossime settimane. "Servono 15 milioni di dosi al mese per raggiungere le 500mila somministrazioni al giorno in tutta Italia. Ma ad aprile ne arriveranno solo 8 milioni: viaggiamo al 50% dell'obiettivo. Serve certezza sull'arrivo delle dosi, di cui per ora il numero è assolutamente insufficiente: le 400mila dosi di Johnson & Johnson (40mila per il Lazio) in arrivo per il mese di aprile bastano per un giorno e mezzo", ha dichiarato. Nel mese di aprile il Lazio incrementerà la sua capacità di somministrazione grazie all'impegno delle farmacie e con l'apertura di altri quattro grandi super hub alla Vela di Calatrava, agli Studios di Cinecittà, l’Auditorium di Confindustria, al centro commerciale Porta di Roma e all'outlet di Valmontone.