256 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Gennaio 2022
8:37

Il papà del 28enne no vax morto di Covid è grave: ha il virus e anche lui non è vaccinato

Si trova ricoverato in terapia intensiva ed è intubato il papà del 28enne no vax di Terracina morto di Covid-19 sabato scorso. Come il figlio non è vaccinato.
A cura di Alessia Rabbai
256 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il papà dell'uomo di ventotto anni no vax morto di Covid-19 ha contratto il virus ed è in gravi condizioni di salute. A renderlo noto l'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio, che nella serata di ieri, dopo averlo appreso dalla Asl di Latina, ha comunicato il decesso dell'uomo di Terracina. Si tratta di un cinquantacinquenne, come il figlio non vaccinato, che si è contagiato e le sue condizioni di salute sono progressivamente peggiorate, fino a richiedere il ricovero ospedaliero. Attualmente si trova al Santa Maria Goretti di Latina ed è intubato.

Il figlio 28enne non era vaccinato

Il ventottenne no vax morto di Covid-19 è arrivato al pronto soccorso di Terracina il 16 gennaio scorso. L'uomo presentava un'insufficienza respiratoria grave, provocata dall'infezione da SarsCov2. Preso in cura, il giorno dopo è stato trasferito all'ospedale di Latina e ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva. Le sue condizioni di salute si sono ulteriormente aggravate nelle ore successive e sabato scorso è sopraggiunto il decesso. "Il Covid colpisce duramente anche i giovani – ha commentato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato – È importante sottoporsi alla vaccinazione, è troppo pericoloso".

Morta una donna incinta non vaccinata

Un'altra giovane cittadina della provincia di Latina non vaccinata è morta dopo aver contratto il Covid-19. Si tratta di una ventottenne originaria di Aprila e incinta, giunta quasi al termine del periodo gestazionale, che ha manifestato i sintomi della malattia il 29 dicembre scorso ed è deceduta nella notte tra il 20 e il 21 gennaio al Policlinico Umberto I di Roma, dove si trovava ricoverata in gravi condizioni. Salvo invece il neonato, che è stato fatto nascere con parto cesareo, sta bene anche se prematuro e respira da solo.

256 CONDIVISIONI
31024 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni