23 Febbraio 2023
13:16

Il liceo Bramante occupato dopo quasi 10 anni, gli studenti: “È solo l’inizio della nostra protesta”

Dopo quasi 10 anni dall’ultima occupazione, torna la mobilitazione degli e delle studenti del liceo artistico Bramante del Tufello: “Per noi è solo l’inizio”.
A cura di Beatrice Tominic

"Ad alcuni sembrerà un'occupazione atipica la nostra, realizzata a fine febbraio dopo quasi dieci anni dall'ultima – ha spiegato una dei rappresentanti degli studenti del Collettivo Bramante a Fanpage.it – Ma per noi è necessaria".

A nove anni dall'ultima occupazione, il liceo artistico intitolato a Donato Bramante è stato occupato dal corpo studentesco: mentre la sede succursale sta svolgendo la settimana dello studente, quella centrale è stato occupata. "Serve un gesto estremo per risvegliare gli e le studenti dopo tanto tempo di indifferenza e disinteresse nella politica. L'occupazione ci servirà per far tornare a scuola momenti di unione, crescita e formazione", ha continuato.

La prima mobilitazione del liceo Bramante

"La prima mobilitazione degli e delle studenti del nostro liceo risale a venerdì scorso quando abbiamo fatto un primo picchetto e ci siamo uniti al corteo in Campidoglio per partecipare al tavolo con Daniele Parrucci, il consigliere della Città Metropolitana con delega all'Edilizia Scolastica – ha spiegato – Però non siamo stati ricevuti: non è arrivata nessuna risposta né una nuova data in cui poter rimandare l'appuntamento: pare che l'incontro sia saltato".

Da quel momento la consapevolezza di prendere parte attiva alla lotta delle scuole romane per gli e le studente del Bramante è diventata una necessità: "Dopo anni di indifferenza politica della nostra scuola, vogliamo prendere una posizione. Ieri abbiamo partecipato al corteo in memoria di Valerio Verbano: il suo volto è raffigurato in un murales davanti alla nostra sede, nel cuore del Tufello, eppure c'è chi non conosceva la sua storia".

Così all'inizio di novembre è stato creato il Collettivo Bramante: "Vogliamo garantire unione, crescita e formazione fra gli e le studenti – continua a spiegare la rappresentante d'istituto Hadassa- Nelle altre scuole c'è attività politica e vogliamo farci sentire anche noi: soltanto uniti insieme alle altre scuole possiamo prendere parte al cambiamento".

L'occupazione della sede centrale del Liceo Bramante

L'occupazione è iniziata nella mattina di lunedì scorso: "Da quel momento le ragazze e i ragazzi si sono riappropriati della loro scuola: abbiamo contato almeno un centinaio di persone presenti ogni giorno da quando abbiamo iniziato l'occupazione".

Non appena scattata la protesta, però, è arrivata una comunicazione da parte della preside in cui viene ricordato che il corpo docenti aveva concordato una settimana di cogestione con corsi alternativi dal 27 febbraio al 3 marzo: "Se la protesta riguarda anche lo stato degli edifici scolastici, non credo che le condizioni in cui si trovano miglioreranno dopo questi giorni. Anzi, quasi sicuramente troveremo danni ancora maggiori: gli alunni avrebbero dovuto manifestare in altre sedi il loro dissenso".

La protesta degli e delle studenti

Alla comunicazione della preside, però, è arrivata puntuale la risposta del corpo studentesco: "Sappiamo che si tratta di un gesto estremo: abbiamo optato per un'occupazione perché, oltre a rendere gli e le studenti protagonisti, vogliamo mandare un messaggio più forte ed importante – si legge nell'email – Puntiamo alla responsabilizzazione degli studenti e vogliamo lasciare la scuola migliore di come l'abbiamo trovata". Non a caso, come conferma la studente a Fanpage.it, sono già in corso opere di manutenzione: "Abbiamo chiesto aiuto anche ad alcuni genitori per aggiustare le maniglie delle porte che la provincia ancora non ha sistemato e ogni mattina alle 8 ci dedichiamo al restauro degli spazi e alla pulizia dei giardini".

Nonostante i problemi interni alla scuola, la protesta è soprattutto verso il governo: "In un momento in cui al governo siede l'estrema destra e all'indomani dell'aggressione fascista a Firenze, vogliamo far vedere che siamo disposti a lottare: per noi è solo l'inizio".

Sapienza occupata, gli studenti:
Sapienza occupata, gli studenti: "Fuori le aziende del fossile dall'università"
367.135 di Carmen Baffi
Occupata la Facoltà di Geologia della Sapienza: gli studenti protestano contro la crisi climatica
Occupata la Facoltà di Geologia della Sapienza: gli studenti protestano contro la crisi climatica
Cosa farà il Comune di Roma per rispondere alle proteste degli studenti sul caro affitti
Cosa farà il Comune di Roma per rispondere alle proteste degli studenti sul caro affitti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni