532 CONDIVISIONI
Coronavirus
27 Aprile 2021
12:03

Focolai di Covid tra la comunità sikh a Latina: “Per ora nessun riscontro della variante indiana”

Disattenzione nei confronti delle aziende agricole e sovraffollamento abitativo, sono le cause evidenziate dal sindacato Flai Cgil sulla diffusione di contagi da coronavirus riconducibili a focolai tra i lavoratori agricoli della comunità sikh nel territorio della provincia di Latina. La direttrice della Asl Cavalli: “Al momento non c’è variante indiana”.
A cura di Alessia Rabbai
532 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Decine o forse centinaia di casi riconducibili a focolai di coronavirus sono stati registrati tra i lavoratori agricoli appartenenti alla comunità sikh nel territorio della provincia di Latina. I numeri non sono ancora chiari, al momento i test esaminati dall'Istituto di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani non hanno riscontrato la presenza della variante indiana. "Dal primo momento in cui è esplosa la pandemia abbiamo notato una disattenzione nei confronti delle aziende agricole, non solo all'interno della comunità indiana, come in questo caso – spiega intervistato da Fanpage.it Stefano Morea, della Flai Cgil di Latina – Le criticità maggiori sul fronte dei contagi sono state riscontrate nei Comuni di San Felice Circeo, Terracina e Sabaudia, complice il sovraffollamento abitativo. In quest'ultima città, c'è un residence, una struttura all'interno della quale abitano i lavoratori delle campagne in grandi numeri. Sono luoghi affollati, di facile diffusione del virus, si tratta di lavoratori ‘invisibili' nei confronti dei quali invece andreabbe posta un'attenzione particolare. Urge attivare al più presto la campagna di vaccinazione, per ridurre episodi di focolai come questi". Discorso a parte e non meno importante riguarda la doppia emergenza in cui si trovano questi lavoratori, come spiega Hardeep Kaur, funzionaria Flai: "Spesso in nero, senza alcuna tutela, contratto il virus e ammalandosi, rischiano di perdere la loro occupazione".

La direttrice della Asl di Latina: "Non riscontrata variante indiana"

La direttrice sanitaria della Asl di Latina Silvia Cavalli ha dichiarato che: "La situazione è sotto controllo, con il Dipartimento di Prevenzione stiamo portando avanti un'attenta campagna epidemiologica, con tamponi a tutta la popolazione e quindi anche alla comunità indiana che vive nel nostro territorio, con screening ai lavoratori di sette aziende agricole, tamponi specifici ai casi positivi, isolamento e tracciamento, nonostante le difficoltà legate al problema del sovraffollamento abitativo nei centri residenziali – spiega – Il dipartimento insieme alla Prefettura sta incontrando i capi religiosi, aspetto molto importante, che consente di raggiungere una piena collaborazione con le comunità". Ciò che si teme oltre alla diffusione del Covid è l'eventuale presenza della variante indiana, ma la direttrice ha chiarito che: "I risultati dei tamponi inviati finora allo Spallanzani non ne hanno rilevato la presenza".

532 CONDIVISIONI
27067 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni