190 CONDIVISIONI
Opinioni
21 Gennaio 2022
12:35

Famiglie compiacenti e giustificazioni: la violenza di Capodanno mostra cos’è la cultura dello stupro

Ragazzini che minacciano di morte la minore che hanno stuprato, genitori compiacenti e totale omertà durante le indagini. Lo stupro di Capodanno a Primavalle ci mostra – ancora una volta – che la cultura dello stupro è parte integrante della nostra società.
A cura di Natascia Grbic
190 CONDIVISIONI

Se qualcuno finora aveva avuto dei dubbi, è arrivata la vicenda della violenza ai danni di una minore a Primavalle a ricordarci che viviamo in un paese immerso nella cultura dello stupro. Genitori compiacenti, famiglie omertose, ragazzini che prima si danno pacche sulle spalle, poi cercano di coprirsi a vicenda, minacciando di morte la vittima. Basta leggere le frasi scritte nelle carte, le intercettazioni riportate nei mesi di indagini. "Giuro che… la pio e gli sparo in faccia. La fo’ a pezzi", dice uno degli aggressori una volta saputo della denuncia. Un genitore invece offende il padre della ragazza, dandogli dell"infame'. Il motivo? Ha accompagnato la figlia a sporgere denuncia. "Cioè, tu manni tu fija a 16 anni co' lockdown, oltretutto che n'abiti manco qua a na festa e poi er giorno dopo te sveji e denunci? Ma che sei n'infame? Cioè così sei popo un vile, un verme, un miserabile".

Non si tratta di un caso isolato di un singolo nucleo familiare. Tutti i ragazzini che erano lì quella sera non hanno mosso un dito per aiutare la ragazza. Né durante lo stupro, di cui si sono accorti tutti quanti, con tanto di maglietta sporca di sangue sventolata come un trofeo, né dopo. Nessuno è stato solidale con lei quando è emerso che aveva sporto denuncia. Si sono solo tutti affrettati a cambiare telefoni, cancellare le chat e accordarsi sulle versioni da fornire ai carabinieri, in modo da alleggerire le posizioni degli amici. "È tutto ito male pe loro", riferiscono sconsolati. Pena ed empatia ci sono sì, ma nei confronti degli aggressori, non della ragazza abusata.

Per i ragazzi che hanno partecipato a quella festa di Capodanno e per i loro genitori se colpa c'è, è della ragazza stuprata. È lei d'altra parte che ha bevuto troppo, che è andata a una festa in un paese che non è il suo e si è ‘permessa' di mettere nei guai i loro figli. Bisogna ribadire un concetto basilare, ma a quanto pare di difficile assimilazione: la colpa non è mai di chi subisce uno stupro, ma di chi lo agisce. Se la ragazza ha bevuto o assunto sostanze non è cosa che ci deve interessare (a meno che non sia stata costretta con la forza ovviamente) . Ogni volta che qualcuno si chiede quanto alcol abbia bevuto o quanta droga abbia assunto la vittima, si perde il punto centrale del discorso, che è la violenza sessuale. Si vuole per forza cercare una giustificazione al comportamento degli stupratori e dare la colpa alla vittima. Si chiama cultura patriarcale, e la nostra società ne è intrisa. La pratica femminista ha trasformato l'adagio ‘Proteggi le tue figlie', in ‘Educa i tuoi figli'. Una frase quanto mai attuale se si guarda a quanto accaduto e che ci fa capire che siamo lontani anni luce dal mettere all'angolo la cultura dello stupro in Italia.

190 CONDIVISIONI
Giornalista dal 2013, redattrice alla cronaca di Roma di Fanpage dal 2019. Ho lavorato come freelance e copywriter per diversi anni, collaborando con vari siti, agenzie di comunicazione e riviste. Laureata in Scienze politiche all'Università la Sapienza, ho frequentato nel 2014 la Scuola di giornalismo della Fondazione Lelio Basso.
Stupro di Capodanno, rinviato il processo:
Stupro di Capodanno, rinviato il processo: "La ragazza sta male e non può testimoniare"
Violentò 5 aspiranti attrici simulando scene di stupro: regista condannato a sette anni
Violentò 5 aspiranti attrici simulando scene di stupro: regista condannato a sette anni
La marea femminista riempie Roma con un grande corteo:
La marea femminista riempie Roma con un grande corteo: "Donna, vita, libertà".
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni