62 CONDIVISIONI
Elezioni regionali Lazio 2023

Elezioni regionali Lazio, Rocca si difende: “Estremisti neofascisti in mia giunta? Impossibile”

In merito alle polemiche scatenate dalla presenza di Mauro Antonini, ex militante di Casapound, nelle liste della Lega, Rocca ha risposto così nel corso di un faccia a faccia con gli altri candidati organizzato dalla trasmissione ‘Mezz’ora in più’: “Non conosco Antonini, mi è stato riferito che ormai erano anni che era fuori da Casapound e comunque se ha accettato di candidarsi con me Presidente, vuol dire che è lui si è avvicinato alle mie posizioni”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Enrico Tata
62 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali Lazio 2023

Sanità e gestione dei rifiuti. Questi i due argomenti più dibattuti tra i tre principali candidati alle elezioni regionali nel Lazio, Alessio D'Amato, per il centrosinistra, Francesco Rocca, per il centrodestra, e Donatella Bianchi, per il Movimento 5 Stelle, nel corso di un faccia a faccia organizzato dalla trasmissione ‘Mezz'ora in più' di Lucia Annunziata. Dalla mia ho "la forza dei risultati. Il contrasto al Covid è stato uno dei principali risultati come l'uscita dal commissariamento della sanità". ha dichiarato D'Amato. Per Bianchi, invece, la situazione sanitaria regionale è "disastrata, con liste d'attesa impossibili e un turismo sanitario con persone che si spostano fuori per farsi curare. Il Lazio è tornato ad essere una regione di serie B". D'accordo Rocca, che però ha puntualizzato: "È singolare sentire la fotografia esatta della dottoressa Bianchi di quello che la nostra gente vive quotidianamente nel campo della sanità. La situazione è drammatica, ma i 5 Stelle sono in giunta insieme al Pd".

In merito alle polemiche scatenate dalla presenza di Mauro Antonini, ex militante di Casapound, nelle liste della Lega, Rocca ha risposto così: "Presenza di estremisti neofascisti in una mia possibile Giunta? Lo escludo, è incompatibile con la mia storia, incompatibile con la mia persona, con quello che ho fatto negli anni, al mio essere vicino in ogni luogo del mondo a tutte le fragilità senza distinzione alcuna. Non conosco Antonini, ho letto di lui sui giornali, mi è stato riferito che ormai erano anni che era fuori da Casapound e comunque se ha accettato di candidarsi con me Presidente, vuol dire che è lui si è avvicinato alle mie posizioni, non certo io a quelle che lui aveva in precedenza".

Sul termovalorizzatore di Roma, D'Amato ha detto di essere d'accordo con la proposta del sindaco Gualtieri: "Serve per chiudere il ciclo dei rifiuti a Roma e restituire decoro a questa città. Il tema dei rifiuti a Roma va risolto e l'elettorato credo abbia voglia di vedere una città pulita e pagare meno la tassa sui rifiuti. Sono favorevole a sostenere il sindaco Gualtieri in questa iniziativa". Contraria Donatella Bianchi, che ha attaccato la lista dei Verdi che sostiene la candidatura dell'assessore alla Sanità: "Coloro che sostengono davvero la linea ecologista del partito dei Verdi sono nelle liste a supporto della candidata del M5s, Donatella Bianchi. Mi domando se tutti i Verdi la pensano come i Verdi che si sono alleati con chi fa il termovalorizzatore e il nucleare, mi chiedo se tutti i Verdi la pensino così o la pensino come altri Verdi che stanno nelle mie liste".

62 CONDIVISIONI
146 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni