2.547 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Novembre 2021
19:21

Diceva “i tamponi fanno ammalare”: i giudici confermano la sospensione di Mariano Amici

La sospensione senza stipendio del medico no-vax Mariano Amici è legittima. Il Tar del Lazio oggi ha confermato il provvedimento preso a settembre scorso dalla Asl Roma 6 e annunciato da D’Amato nei confronti del dottore, che è stato temporaneamente allontanato dal posto di lavoro e dai pazienti.
A cura di Alessia Rabbai
2.547 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il Tar del Lazio ha confermato la sospensione di Mariano Amici, il medico no-vax nei confronti del quale la Asl Roma 6 ha preso la decisione di allontanarlo temporaneamente dal luogo di lavoro e dai suoi pazienti. A renderlo noto nel pomeriggio la Direzione della Asl, in comunicato diffuso oggi dalla Regione Lazio. I giudici amministrativi hanno infatti "ritenuto legittima la sospensione dall'attività di medico e senza stipendio". Inoltre hanno evidenziato che Amici "‘non produce’ la documentazione sulla propria condizione clinica e ‘neppure comprova’ la possibile sussistenza di una causa di esonero vaccinale”. A seguito della conferma arrivata da parte del Tar il medico no-vax continuerà ad essere sospeso senza percepire stipendio.

"I tamponi fanno ammalare"

Mariano Amici è un medico di Medicina Generale di Ardea, diventato noto sui social network e ospitato a trasmissioni televisive, per le sue posizioni rispetto alla pandemia e contrarie ai vaccini contro il Covid-19. Fin dall'inizio dell'emergenza sanitaria ha parlato di ‘terrorismo sanitario', dichiarando che i tamponi ‘fanno ammalare'. Ad annunciarne la sospensione il 20 settembre scorso è stato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato "poiché, nonostante i ripetuti solleciti, non ha voluto sottoporsi alla vaccinazione, contravvenendo all’articolo 4 del DL 44/2021″.

L'inattendibile esperimento sui tamponi ai kiwi

Negli scorsi mesi Amici aveva fatto tamponi ai kiwi, risultati positivi. Un fantomatico esperimento per dimostrare la fallacità dei test, totalmente intattendibile e privo di validità scientifica, in quanto i tamponi per la ricerca del coronavirus sono stati creati per essere effettuati sugli esseri umani, non sulla frutta e che l'infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano Massimo Galli ha definito "una sciocchezza che non deve essere nemmeno presa in considerazione".

2.547 CONDIVISIONI
31058 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni