Istituto Spallanzani di Roma
in foto: Istituto Spallanzani di Roma

Continuano a calare i pazienti Covid positivi ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell'Istituto Spallanzani: ad oggi, sabato 18 luglio, sono solo in 3. In totale le persone ricoverate presso l'Istituto Nazionale di Malattie Infettive sono 67 e di queste in 56 sono positive al tampone per la ricerca del virus Sars-CoV-2. In 11 sono sottoposti ad indagini. "I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o in altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 527", si legge sul consueto bollettino dell'ospedale romano.

Tra i ricoverati c'è anche il dipendente dello stabilimento di Ostia che è andato a lavoro con la febbre

Tra i pazienti ricoverati allo Spallanzani c'è anche l'uomo del Bangladesh che, nonostante avesse la febbre dal 14 luglio scorso e dolori muscolari dal 12 luglio, si è comunque recato al lavoro presso uno stabilimento balneare di Ostia (ha lavorato fino al 16 luglio). "Questa circostanza la considero grave e chiediamo la massima responsabilità. Con la febbre e con sintomi si deve rimanere a casa e contattare un medico. Non è possibile che si vada in giro o al lavoro. Comprendo le esigenze lavorative e di proseguire nelle proprie attività, ma il rischio è troppo elevato per la collettività", ha dichiarato l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato.

Lo stabilimento è stato chiuso per precauzione e la Asl ha già avviato un'indagine epidemiologica partendo dai dipendenti della struttura e dai contatti diretti del lavoratore in isolamento. L'uomo lavorerebbe all'interno della cucina della struttura e non avrebbe avuto contatti con i clienti. Il suo link epidemiologico dovrebbe essere rappresentato da un coinquilino connazionale andato a Milano.