News sul caso Hasib Omerovic a Primavalle
18 Settembre 2022
10:02

Caso Hasib, un poliziotto entrato nell’abitazione di Primavalle avrebbe “forzato la mano”

Sarebbe un poliziotto trasferito dalla Squadra Mobile al commissariato Primavalle ad aver “forzato la mano” quando nell’appartamento di via Gerolamo Aleandro dove viveva Hasib Omerovic.
A cura di Alessia Rabbai
Hasib Omerovic
Hasib Omerovic
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul caso Hasib Omerovic a Primavalle

Nell'abitazione in cui viveva Hasib Omerovic insieme alla sua famiglia sarebbe entrato anche un agente la cui posizione nella vicenda che ha portato al grave ferimento del trentaseienne sordomuto sarebbe delicata. Si tratta di un poliziotto precedentemente in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Roma, poi trasferito nel commissariato Primavalle, il quale, secondo quanto riporta Il Messaggero, avrebbe "forzato la mano" la mattina del 25 luglio, quando, insieme a tre colleghi, due uomini e una donna, è entrato nell'appartamento di via Gerolamo Aleandro. L'agente, che non è mai stato oggetto di procedimenti disciplinari, in passato ha partecipato a una maxi operazione della Sezione reati contro i minori, su una rete di pedofili che adescava bambini rom nei campi nomadi di Roma.

Indagati quattro poliziotti

Sul grave ferimento di Hasib Omerovic, la cui storia è finita in Parlamento, indaga la Procura della Repubblica di Roma per i reati di tentato omicidio e falso. L'intervento era infatti stato catalogato come tentato suicidio. A finire nel registro degli indagati sono i nomi di quattro agenti, già identificati e ascoltati. La versione ufficiale della loro presenza nell'abitazione della famiglia Omarovic era per identificare il trentaseienne, il quale era stato accusato sui social network di aver infastidito alcune ragazze della zona. Una situazione che sarebbe però degenerata e che si è conclusa con la caduta di Hasib, precipitato giù dalla finestra, soccorso e finito in coma per cinquanta giorni. Fortunatamente ora il trentaseienne è fuori pericolo, ma si teme abbia subito danni permanenti.

Domani arriva il nuovo dirigente del commissariato

Domani al commissariato di Primavalle arriverà il nuovo dirigente Roberto Ricciardi, mentre il precedente che ne era a capo e il vicedirigente quando è stata resa nota la vicenda sono stati rimossi dall'incarico.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni