2.450 CONDIVISIONI
Covid 19
28 Giugno 2021
16:40

Bimba di nove anni colta da ischemia dopo il Covid: salvata dai medici dell’Umberto I

Momenti di paura per i genitori di una bambina di nove anni colta da un attacco ischemico cerebrale mentre stava giocando dopo aver contratto il Covid. La piccola, ricoverata in ospedale lo scorso 17 giugno a Roma, è stata salvata dall’equipe medica del Policlinico Umberto I senza riportare danni neurologici.
A cura di Alessia Rabbai
2.450 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una bambina di nove anni colta da ischemia dopo aver contatto il Covid19 è stata salvata dall'equipe dei medici del Policlinico Umberto I di Roma. A darne notizia l'ospedale, che ha raccontato l'intervento multidisciplinare dei professionisti, che ha consentito alla piccola di sopravvivere. La vicenda risale allo scorso 17 giugno ed è avvenuta nella Capitale. Secondo quanto si apprende la bambina si trovava in un centro estivo e stava giocando in compagnia dei suoi amichetti, quando, improvvisamente, è diventata sonnolenta, quasi addormentata. Uno stato che ha insospettito chi si stava occupando di lei, le persone che la stavano controllando si sono subito attivate, avendo capito che qualosa in lei non andava. Arrivata al pronto soccorso del Policlinico Umberto I, la piccola paziente non riusciva più a parlare. I medici dopo averla visitata le hanno diagnosticato un attacco ischemico cerebrale a seguito di un'infezione da coronavirus.

La bambina è salva e non ha riportato danni neurologici

La bambina si è potuta salvare grazie all'intervento tempestivo dei medici del pronto soccorso pediatrico, della terapia intensiva pediatrica, della stroke unit e della radiologia del DEA. L'equipe medica del Policlinico l'ha sottoposta ad un trattamento con farmaci fibrinolitici e rapidamente è migliorata. Fortunatamente non ha subito danni neurologici, sta bene e ha ricominciato a parlare. "Una storia che poteva concludersi con un esito infausto – ha commentato la vicenda Fabrizio d’Alba, direttore generale del Policlinico Umberto I di Roma – oggi siamo qui a raccontarla, per sottolineare la professionalità e bravura di medici ed operatori sanitari capaci di attivare secondo i tempi strettissimi dettati dall’emergenza, quella catena di professionalità e competenze che fanno la differenza, e in casi drammatici ed improvvisi come questo salvano vite umane. Un’eccezionalità che presso il nostro Policlinico è quotidianità, come confermato anche dal grande lavoro ed impegno che tutti hanno garantito durante la pandemia da Covid".

2.450 CONDIVISIONI
32117 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni