16.386 CONDIVISIONI
Coronavirus
2 Gennaio 2021
11:41

Aumentano i casi di coronavirus, medico Uscar: “Sono gli effetti devastanti delle feste di Natale”

I contagi nel Lazio stanno aumentando, mentre Roma è tornata sopra gli 800 casi. Numeri che non si vedevano da settimane e che potrebbero crescere ancora. In un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, il medico a capo delle Uscar Pier Luigi Bartoletti ha parlato di quelli che sono gli effetti devastanti delle feste di Natale.
A cura di Natascia Grbic
16.386 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Gli effetti delle feste di Natale che tanto erano temuti nelle settimane passate, stanno cominciando a mostrarsi. I casi positivi stanno aumentando, con il 2021 che si è aperto con una quota di 1913 contagi. A Roma città i positivi sono tornati sopra gli 800, mentre il rapporto tra tamponi e positivi è al 13,2%. Numeri che, se confrontati con quelli delle settimane passate, sono molto, troppo alti. "Gli effetti devastanti, e tanto temuti, delle vacanze e delle cene di Natale già si vedono – ha dichiarato Pier Luigi Bartoletti, medico di medicina generale e a capo delle Uscar, in un'intervista rilasciata a Il Corriere della Sera – Se nelle ultime settimane i pazienti Covid positivi che riuscivamo a individuare erano praticamente inesistenti, sono giorni che nello studio si presentano assistiti con sintomi evidenti e che poi al tampone risultano essere stati contagiati".

Aumento casi potrebbe rallentare campagna vaccinale

La campagna vaccinale inaugurata il 27 dicembre continua. Ma potrebbe non essere sufficiente se i casi continuano a crescere in questo modo. Ma soprattutto se il Lazio dovesse essere investito da una terza ondata, il sistema sanitario già fortemente sotto stress potrebbe non reggere. "Noi possiamo impegnarci quanto vogliamo nel portare avanti la campagna vaccinale – precisa Bartoletti – ma serve la collaborazione di tutti i cittadini". A ieri le persone vaccinate nel Lazio sono salite a quota 11210. La campagna proseguirà senza sosta nelle prossime settimane, ma se il numero dei casi dovesse aumentare ancora, è molto probabile che subisca un rallentamento. Un intoppo che alla Regione Lazio sperano non si debba verificare. "I dati segnalano un aumento dei casi e questo deve indurre alla massima prudenza e rigore – ha dichiarato ieri l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato – È stato un Capodanno di vaccinazioni, nel Lazio si è partiti bene e gli operatori sanitari sono tutti impegnati in prima fila".

16.386 CONDIVISIONI
27179 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni