251 CONDIVISIONI

Attivisti per il clima arrestati: scatta l’obbligo di dimora. Mario Tozzi: “Non ho visto violenza”

Dopo tre notti trascorse in carcere, è stato convalidato l’arresto per i 12 attivisti: sono stati condannati all’obbligo di dimora per il blocco stradale di lunedì scorso sulla Roma-Civitavecchia. Il geologo Tozzi a Fanpage.it: “Io non ho visto violenza, solo resistenza passiva”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Beatrice Tominic
251 CONDIVISIONI
Immagine

Hanno trascorso tre notti in carcere i dodici attivisti e attiviste per il clima di Ultima Generazione dopo il blocco stradale di lunedì scorso, 4 dicembre, lungo la Roma Civitavecchia. Alcuni hanno incollato le loro mani all'asfalto, altri hanno rischiato di essere investiti. Tutti sono stati trasferiti prima di questura e poi in carcere.

Oggi sono stati ricevuti nell'aula giudiziaria a Civitavecchia: il loro arresto è stato convalidato. Per i loro atti di disobbedienza civile non violenta tutte le persone coinvolte sono state condannate all'obbligo di dimora. È caduta l'accusa di attentato alla sicurezza dei trasporti, ma resta quella di violenza privata.

"Ma quale violenza?", si chiede questo il geologo Mario Tozzi, raggiunto da Fanpage.it – Io ho visto solo resistenza passiva da parte degli attivisti, una modalità che viene utilizzata tradizionalmente in questo genere di proteste. Il blocco stradale può non essere condivisibile, sicuramente fastidioso, ma non è violento: si sono fatti portare via, non hanno esercitato violenza. O, almeno, io non l'ho vista".

Poi sottolinea: "I giudici avranno avuto le loro ragioni, non lo metto in dubbio, ma non riesco a comprendere da dove derivi questo reato di violenza privata – continua – Non mi risulta ci siano stati feriti. O danni a persone e cose. Servirebbero delle prove, un'evidenza, qualche video che possa attestare la violenza".

Il commento degli e delle attiviste di Ultima Generazione

"Pagheremo noi il fatto di aver agito rispetto alla Costituzione Italiana, che sancisce il diritto per ogni cittadino in forma singola ed associata a manifestare pacificamente – scrivono in una nota – L’ironia vuole che la manifestazione fosse per onorare l’articolo 9 della stessa Costituzione che dichiara, lo vogliamo ricordare qui, di tutelare l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. Invece, il governo calpesta la carta costituzionale: mette noi sul banco degli imputati per lavarsi la coscienza dalle proprie responsabilità".

Nel pomeriggio di ieri la senatrice Ilaria Cucchi e la deputata Francesca Ghirra sono andate in carcere per incontrarli ed incontrarle. "Alla destra il dissenso fa paura, per questo gli attivisti sono un bersaglio – ha dichiarato a Fanpage.it una volta uscita la senatrice – Volevamo conoscere le condizioni di salute in cui si trovavano dopo l'arresto: dobbiamo smetterla di punire gli attivisti, ma iniziare ad ascoltarli".

La reazione degli attivisti arrestati

"Ci mettiamo la faccia, ci mettiamo in una posizione di vulnerabilità, restiamo aperti al dialogo e non usiamo la violenza – ha dichiarato la ventitreenne Beatrice dal carcere – Non cerchiamo uno scontro, ma un confronto". Soltanto dal confronto, hanno più volte dichiarato loro, si genera l'opportunità di cambiamento.

251 CONDIVISIONI
Picchia e chiude in bagno per tutta la notte la compagna, le violenze riprese in un video: arrestato
Picchia e chiude in bagno per tutta la notte la compagna, le violenze riprese in un video: arrestato
Protesta dei trattori, annullata la manifestazione a piazza San Giovanni: "Stasera corteo sul Gra"
Protesta dei trattori, annullata la manifestazione a piazza San Giovanni: "Stasera corteo sul Gra"
A Fiumicino sequestrata una maxi partita di coca: avrebbe fruttato 5 milioni ai narcos
A Fiumicino sequestrata una maxi partita di coca: avrebbe fruttato 5 milioni ai narcos
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni